Oggi è il

Osapp, carcere di Brissogne è bolgia dantesca

  • Pubblicato: Martedì, 14 Agosto 2018 12:08

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 


Intervento del segretario generale del sindacato dopo il ricovero con Tso di un detenuto

Casa circondariale di BrissogneBRISSOGNE. L'Osapp torna ad occuparsi della casa circondariale di Brissogne e a denunciarne i problemi di organizzazione e di gestione dei detenuti. L'ultimo episodio riportato dal sindacato di polizia penitenziaria riguarda un detenuto di nazionalità nigeriana, già in isolamento, sottoposto a Tso dopo aver danneggiato la propria cella.

«Il carcere di Aosta - afferma il segretario generale Leo Beneduci - è molto di più di una bolgia dantesca per i problemi che tutti conoscono, legati all'assenza di un direttore titolare e alla scarsissima attenzione per la soluzione dei problemi da parte del Provveditore Regionale».

Secondo Bonucci «Ad una situazione di estrema difficoltà si aggiungono i rischi e i disagi legati anche alla presenza in carcere di detenuti con problemi di carattere psichiatrico che costituiscono il penoso retaggio degli errori della precedente legislatura e a cui l'attuale non riesce a porre alcun riparo».

«Inutile sottolineare - conclude il segretario dell'Osapp - che sarebbero più che indispensabili interventi sostanziali e anche l'avvio di una specifica attività di ordine ispettivo intesa ad accertare le gravi ed evidenti inadempienze gestionali».

 

M.C.

Altre news di attualità

 

Live cam

Archivio >

Pubblicità
AostaOggi.IT è un prodotto della testata giornalistica WEBITALYNEWS
Direttore responsabile Luigi Palamara
Direttore editoriale Marco Camilli
Registrazione Tribunale di Aosta N° 01/05 del 21 Gennaio 2005
P.IVA 01000080075