Utilizziamo cookies per migliorare la vostra esperienza sul nostro sito. Continuando a visitare questo sito, l'utente accetta l'utilizzo dei cookies.

Tariffe autostradali, Regione contraria al ricorso Rav contro il blocco degli aumenti

Rollandin: «inviata una lettera ai nostri rappresentanti»

AOSTA. L'Amministrazione regionale non ha appoggiato il ricorso al Tar della Valle d'Aosta presentato nei giorni scorsi dalla società Rav contro il blocco degli aumenti delle tariffe autostradali. «La Rav purtroppo ha una maggioranza pubblica - ha dichiarato il presidente della Regione Rollandin nella conferenza stampa del venerdì a Palazzo regionale -. Abbiamo inviato una lettera ai nostri rappresentanti in Rav per ricordare che un impegno specifico dell'assemblea era quello di non rivedere i prezzi. Non dovevano aderire alla proposta e così è stato fatto».

Il ricorso della Rav, a cui si è aggiunto successivamente anche quello della Sav, riguarda il decreto ministeriale dello scorso 31 dicembre che ha bloccato i rincari su alcune tratte autostradali, tra cui appunto quelle valdostane.

La società Raccordo autostradale Valle d'Aosta è detenuta al 58% dalla Sitmb, la società del Traforo del Monte Bianco (a sua volta di proprietà al 51% di Autostrade per l'Italia) ed al 42% dalla Regione. I rappresentanti dell'Amministrazione regionale nel Cda sono il presidente Stefano Fracasso e i consiglieri Walter Dufour e Stefania Notarpietro.

 

Elena Giovinazzo

Pubblicità

Mobile Link