Utilizziamo cookies per migliorare la vostra esperienza sul nostro sito. Continuando a visitare questo sito, l'utente accetta l'utilizzo dei cookies.

Retribuzioni non pagate: lavoratori della Puliart pronti a stato di agitazione

 

La ditta si occupa delle pulizie al Comune di Aosta e in Questura. OO.SS: "tavolo di confronto entro il 27 giugno"

AOSTA. Pagamenti che arrivano in ritaro e, in alcuni casi, retribuzioni arretrate mai erogate: queste le motivazioni che hanno spinto i lavoratori della Puliart snc a preannunciare lo stato di agitazione.

L'azienda si occupa delle pulizie per il Comune di Aosta e di alcuni uffici della Questura e "da oltre un anno - denunciano Filcams Cgil, Fisascat Cisl, Savt e Uiltrasporti - ritarda i pagamenti ai lavoratori di svariati giorni, nonostante vi sia una data precisa di pagamento sui contratti individuali di lavoro, e per alcuni lavoratori non sono state pagate le retribuzioni arretrate".

Spiegano le Organizzazioni sindacali: "nonostante diversi solleciti non vengono consegnate le buste paga e nelle poche fornite mancano le ore supplementari". La società, continua la nota, "continua a non rispondere alle richieste delle Organizzaizoni Sindacali di aprire un tavolo per cercare di risolvere le diverse problematiche in essere, ma non solo, anche il Comune di Aosta, al quale ci siamo rivolti, ha le stesse nostre difficoltà nel comunicare con la Puliart. Si era addivenuti ad una data d'incontro che l'azienda non ha rispettato, nonostante il largo preavviso, chiedendone lo spostamento a due settimane dopo, il 13 giugno, incontro che ovviamente non si è concretizzato e ancora oggi aspettiamo di poterci confrontare".

A questo punto, concludono le Organizzazioni sindacali, l'assemblea dei lavoratori ha deciso che "se entro il 27 di questo mese non verrà aperto un tavolo di confronto, verrà dichiarato lo stato di agitazione".

 

C.R.

Pubblicità
Pubblicità