Utilizziamo cookies per migliorare la vostra esperienza sul nostro sito. Continuando a visitare questo sito, l'utente accetta l'utilizzo dei cookies.

Depenalizzazioni, 12 assolti ad Aosta per l'omesso versamento dei contributi Inps

 

Il giudice: "il fatto non è più previsto dalla legge come reato"

AOSTA. Non avevano pagato i contributi dell'Inps, ma grazie alle depenalizzazioni sono stati assolti. Protagonisti dodici imprenditori ed artigiani che erano finiti a processo in tribunale ad Aosta.

I dodici, quasi tutti valdostani, erano imputati per l'omesso versamento di ritenute previdenziali. Gli importi in questione tuttavia erano inferiori ai 10.000 euro annui dunque il giudice monocratico Marco Tornatore ha disposto l'assoluzione "perché il fatto non è più previsto dalla legge come reato". Si tratta del primo caso di applicazione in Valle d'Aosta del pacchetto di depenalizzazioni approvato dal Consiglio dei ministri.

Alcuni dei processi erano in calendario la scorsa settimana, quando il reato era ancora punito con la reclusione fino a 3 anni di reclusione, e sono stati rinviati di qualche giorno per poter applicare le nuove disposizioni.

 

redazione

 

Pubblicità
Pubblicità

Mobile Link