Utilizziamo cookies per migliorare la vostra esperienza sul nostro sito. Continuando a visitare questo sito, l'utente accetta l'utilizzo dei cookies.

'ndrangheta, ucciso in Spagna Giuseppe Nirta

 

Il pregiudicato aveva vissuto in Valle d'Aosta con la famiglia

AOSTA. E' stato ucciso nella sua casa della campagna spagnola il 52enne Giuseppe Nirta, residente per alcuni anni a Quart insieme alla famiglia, con precedenti per traffico di stupefacenti e coinvolto nell'operazione "Minotauro" sulla 'ndrangheta. L'uomo è stato freddato con diversi colpi di pistola, uno dei quali alla testa: secondo gli inquirenti spagnoli la sua è stata una vera e propria esecuzione.

Nirta, originario di San Luca (Reggio Calabria), viveva in un'abitazione isolata nella zona di El Charcon, vicino a Murcia, insieme alla compagna. E' stata lei a dare l'allarme dopo essere sfuggita all'agguato. Le indagini sono state affidate alla Guardia Civil e alla polizia locale.

Il nome di Nirta è finito anche nelle carte dell'inchiesta che ha portato all'arresto dell'ex pm di Aosta Pasquale Longarini e dell'imprenditore Gerardo Cuomo. Secondo gli inquirenti Cuomo si incontrava con Nirta quando quest'ultimo rientrava in Valle d'Aosta, ma decise di interrompere i contatti un anno e mezzo fa, dopo che Longarini lo avrebbe avvertito di indagini in corso da parte della Dda.

 

Marco Camilli

Pubblicità
Pubblicità