Utilizziamo cookies per migliorare la vostra esperienza sul nostro sito. Continuando a visitare questo sito, l'utente accetta l'utilizzo dei cookies.

Imprese, crolla la liquidità: -7,3% in Valle d'Aosta

 

Indagine della Cgia di Mestre: in tre anni in tutta Italia -62,4 miliardi

ROMA. In questi ultimi tre anni di crisi del sistema creditizio, la contrazione degli impieghi bancari alle imprese italiane continua ad aumentare fino a raggiungere i -62,4 miliardi di Euro, secondo le stime della Cgia di Mestre.

Il Molise è la regione più colpita (-13,1% nel confronto tra aprile 2017 e aprile 2014), ma è il dato del Veneto - più grande e con un numero decisamente più alto di imprese - a destare interesse con -10,7%. Nella classifica del credit crunch ci sono, a seguire, Marche (-10,4%), Calabria (-9,7%), Emilia Romagna (-9,1%), Sicilia (-8,7%), Lazio (-8,2%). Subito dopo troviamo la Valle d'Aosta che è passata da impieghi per 1,6 milioni di euro circa nel 2014 a impieghi per 1,5 milioni circa nel 2017 (-7,3%).

In generale in Italia la riduzione è stata del 6,8% e al Nord Ovest del 6,4%.

La Cgia ha anche calcolato le sofferenze in campo alle imprese e l'incidenza di queste ultime sul totale degli impieghi alle imprese. La Valle d'Aosta è al penultimo posto della classifica con una percentuale del 10,8% superiore soltanto a quella del Trentino Alto Adige (9,6%). In testa al ranking ci sono Calabria (32,1%), Molise (31,4%) e Sardegna (29,9%).

 

Clara Rossi

Pubblicità
Pubblicità