Utilizziamo cookies per migliorare la vostra esperienza sul nostro sito. Continuando a visitare questo sito, l'utente accetta l'utilizzo dei cookies.

Valle d'Aosta, Bankitalia: nel 2016 economia ancora debole

 

Rapporto con luci e ombre: occupazione in calo, ma ripartono gli investimenti

AOSTA. L'economia valdostana è "rimasta nel complesso debole", pur mostrando qualche piccolo segno di ripresa. Il Rapporto annuale della Banca d'Italia Valle d'Aosta riferito al 2016 svela ancora una volta una situazione fatta di luci ed ombre.

Luci che arrivano, ancora una volta, in particolare dal settore turistico che vede crescere le presenze e regala una boccata d'ossigeno all'economia di tutta la regione. Buone indicazioni arrivano anche dagli investimenti per merito anche degli incentivi fiscali. Al contrario l'edilizia ancora non riesce a vedere la fine del tunnel della crisi e continua a pagare un conto pesantissimo alla crisi: Bankitalia rileva che il numero dei lavoratori iscritti e il totale delle ore lavorate in questo settore sono "diminuiti in misura consistente".

La situazione si riflette ancora una volta sull'occupazione che, riferisce il rapporto di Bankitalia, è "ulteriormente diminuita" con andamento negativo in quasi tutti i settori, ad eccezione di quello dei servizi del commercio, alberghi e ristorazione. In aggiunta al calo degli occupati si è associata una riduzione delle ore lavorate per addetto, fattore che ha contribuito all'aumento del ricorso alla Cassa integrazione guadagni. Il tasso di disoccupazione è "marginalmente calato", ma rimane "elevato"

Per contro le compravendite nel settore immobiliare sono in risalita così come i prezzi delle case.

 

C.R.

Pubblicità
Pubblicità