Il Consiglio Valle "sfiducia" Marquis: passa la risoluzione per le sue dimissioni

 

Lui non si dimette e invita a presentare una mozione di sfiducia costruttiva: "inutile andare avanti con questo teatrino"

AOSTA. Con 22 voti a favore e 12 contrari, il consiglio regionale questa sera ha approvato una risoluzione che invita il presidente della Regione Pierluigi Marquis a dimettersi a seguito dell'apertura della crisi di governo.

La risoluzione in realtà nulla cambia: Marquis in precedenza aveva già indicato che non si sarebbe dimesso perché la legge prevede, come passaggio, la presentazione di una mozione di sfiducia costruttiva per far insediare un nuovo governo e dare continuità all'azione amministrativa.

La risoluzione è stata illustrata in aula dal capogruppo dell'Uv, Ego Perron: l'iniziativa «prende atto che oggi c'è una crisi di politica, di governo, che deriva dalla costatanzione dell'assenza di un progetto politico, di condivisione dei dossier come il bilancio il Defr non ancora presentato in Commissione e in Consiglio». «Il fattore tempo è prioritario - ha aggiunto -: a nostro modo di vedere non ci sono più le condizioni perché lei, presidente Marquis, mantenga la sua posizione».

Marquis nella replica ha ribadito i concetti già espressi nel suo precedente intervento: «c'è un ambito preciso in cui occorre muoversi (la mozione di sfiducia costruttiva, ndr) e ritengo che il tempo possa essere utilmente impiegato per dialogare tra movimenti e partiti, qualora ce ne sia la volontà. E' inutile andare avanti in questo teatrino perché credo che non appassioni particolarmente i valdostani».

A votare contro la risoluzione anche i consiglieri del gruppo misto Padovani e Gerandin.

Dopo la votazione il Consiglio è stato sospeso per una riunione dei capigruppo durante la quale è stato deciso di chiudere in anticipo la riunione del consiglio e di rinviare alla prossima seduta l'esame dei punti inseriti all'ordine del giorno.

 

M.C.

Altre news di politica

Pubblicità
Pubblicità