Finanziamenti al Casinò, Rollandin: agito nell'interesse dell'azienda

E sulla questione morale sollevata dai colleghi dell'Uv: un dialogo più franco può evitare malintesi

augusto-rollandinAOSTA. I finanziamenti che la Regione ha erogato negli anni a favore della Saint-Vincent Resort & Casinò hanno consentito alla società «di continuare la sua attività senza interruzioni e con un bilancio importante» ed erano «indispensabili per mantenere agibili le strutture». Lo afferma in una nota il capogruppo dell'Union Valdôtaine, Augusto Rollandin, ribattendo anche al documento sulla "questione morale" firmato nei giorni scorsi da otto esponenti del suo movimento.

«Il sottoscritto - spiega Rollandin - con altri colleghi ha ricevuto sempre sul Casinò la notifica della Procura della Repubblica inerenti agli stessi finanziamenti ma con contestazioni penali». Le spese, aggiunge, «sono tutte documentate, certificate, controllate, collaudate da tutti gli organi competenti (Cda, Collegio sindacale, consulenti fiscali, Finaosta, Ufficio legale)» e «nessuno è accusato di aver utilizzato impropriamente fondi pubblici o di essersi appropriato di denaro pubblico».

Commentando il documento firmato dai suoi colleghi dell'Uv, l'ex presidente delle Regione si dice «convinto che un dialogo più frequente e più franco nel gruppo e nel movimento possa evitare malintesi».

Quanto alle contestazioni, spiega di confidare nella «possibilità di dimostrare agli organi inquirenti, con evidenti responsabilità differenziate per i ruoli ricoperti ai vari livelli, di aver agito nell'interesse di una azienda importante per riportarla a dei livelli di redditività corretta e per mantenere le forze lavoro corrispondenti».

 

Marco Camilli

Altre news di politica

Pubblicità