Nuovo governo Marquis, Cognetta: "Io non mi ci sarei mai messo"

 

Intervista al consigliere regionale del M5s. "Il mio voto alla mozione? Era per sfiduciare Rollandin"

Il Governo Rollandin è caduto e al suo posto, con il voto favorevole anche del Movimento 5 stelle, c'è la Giunta Marquis. Un breve commento a questa situazione politica.
Ci tengo a precisare che il mio voto non era favorevole alla Giunta Marquis: il mio voto era sfavorevole alla Giunta Rollandin. La mozione di sfiducia, per come è fatta, non permette di distinguere i due voti - la sfiducia a uno e la fiducia all'altro. Il fatto che questo voto abbia fatto partire la giunta Marquis non mi riguarda. La situazione politica è piuttosto ingarbugliata: Marquis di fatto non ha i numeri che gli permettono di vivere tranquillo quindi deve trovare i voti in aula e non so quanti ne troverà.

Il Movimento 5 stelle deciderà di volta in volta cosa votare?
E' quello che ho sempre fatto, non è una novità di adesso. Quando ci sono provvedimenti che vanno bene li votiamo, quando ci sono provvedimenti che vanno bene alla stragrande maggioranza dei consiglieri ma non a noi, non li votiamo. Ho già votato anche contro provvedimenti che hanno ottenuto 33 "sì" e 1 "no".

Durante la giunta Rollandin il M5s più volte ha chiesto l'accesso a documenti delle società partecipate senza ottenere risposte positive almeno all'inizio. Ora cambierà qualcosa? Sarà possibile aprire gli armadi e vedere se dentro ci sono degli scheletri?
Noi continueremo a fare il nostro lavoro d'indagine come abbiamo sempre fatto. Anche in questi giorni sto continuando a lavorare e non mi sono fermato. Fino ad ora non ho avuto nessuno diniego e a tutte le domande che ho fatto ho ricevuto risposta. Se poi loro, in modo autonomo, vogliono aprire degli armadi - ma devono anche sapere quali domande fare per avere le risposte - e farci vedere qualcosa, io sarò contento. Se non accadrà è perché o non ci sono armadi o non hanno intenzione di farlo. Questo lo vedremo.

In uno dei ripasti della Giunta Rollandin accettasti un incarico di vice presidente che hai poi lasciato. Se ti offrissero una carica adesso, come risponderesti?
Prima della mozione di sfiducia mi è stato offerto di tutto e di più e non solo da coloro che sono adesso al governo. Io resto della mia idea: lavoro per i cittadini e non accetto cariche di nessun tipo a meno che non siano, come dire, compatibili con il mio mandato. E in questo momento non ne esistono di compatibili con il mio mandato.

A conti fatti questa nuova maggioranza non potrebbe aver fatto un grande favore a Rollandin togliendogli diverse patate bollenti dalle mani come il Casinò, la Cva, le indagini e le inchieste?
Chi ha seguito il Consiglio regionale sa come la penso su chi ha deciso di prendersi l'onere di governare quindi invito tutti a vedere il filmato sul mio profilo Facebook. Quasi tutte le patate bollenti, direi il 99%, sono state create dalla vecchia maggioranza. Se il nuovo governo farà un favore a Rollandin dipenderà da loro. Io non mi ci sarei mai messo, avrei lasciato Rollandin al suo posto. Comunque non sta a me giudicare: sono loro che hanno preso questo compito, loro hanno deciso di fare così. A me andava bene buttare giù Rollandin e per il resto i valdostani vedranno e giudicheranno.

Albert Chatrian, ora assessore, è tra i condannati in Appello a Torino ma non è sospeso. Hai detto di voler presentare una sfiducia nei suoi confronti.
Presenterò una mozione di sfiducia quando sarà il momento di presentarla. Bisogna tenere a mente una cosa importante e cioè che quando presenti una mozione di sfiducia devi avere i voti, altrimenti...

Altrimenti succede come con Lotti in Senato?
So cosa vuol dire presentare mozioni che alla fine rafforzano chi le riceve.

Quindi hanno sbagliato a Roma?
Non sta a me giudicare, ma certamente... è stata un'azione dimostrativa, ecco. Non è facile fare il nostro lavoro, lo devi fare in un certo modo. A Roma forse quella era l'unica chance, io qui magari ho maggiori possibilità di portare a casa il risultato e quindi ci devo provare.

 

Marco Camilli

Pubblicità
Pubblicità