Porta Pretoria si illumina per la campagna Nastro Rosa della Lilt

 

Dal 30 settembre il monumento di Aosta si colora di rosa per la campagna di sensibilizzazione

AOSTA. La Porta Pretoria torna ad illuminarsi di rosa per la campagna Nastro Rosa della Lilt. Anche quest'anno, dalla sera del 30 settembre, l'antica porta di ingresso ad Aosta farà da "testimonial" dell'evento di sensibilizzazione per la prevenzione dei tumori al seno.

«La Lilt - ricorda il presidente della sezione valdostana Salvatore Luberto - con la sua "campagna Nastro Rosa" ogni anno, nel mese di ottobre, promuove la cultura della prevenzione come metodo di vita, dedicato al benessere della donna, affinché tutte le donne possano sottoporsi a visite senologiche, anche nelle fasce di età non ricomprese nel programma di screening del Servizio sanitario regionale, attualmente in Valle d'Aosta dai 45 ai 70 anni».

L'iniziativa (#mettiloko) vede la partecipazione attiva dell'Amministrazione regionale. «La ricerca scientifica e l'accresciuta consapevolezza dei cittadini verso stili di vita sani e controlli sanitari periodici, come gli screening, ha notevolmente ridotto la mortalità e migliorato la qualità di vita, anche in presenza di malattia - evidenzia l'assessore alla salute, Luigi Bertschy -. La prevenzione gioca un ruolo importante: individuare per tempo alcune malattie significa combatterle più efficacemente. Illuminare le Porte Pretoriane è un modo per illuminare anche la speranza, coinvolgere e sensibilizzare tutti alla prevenzione del tumore al seno, con l'auspicio di estendere il più possibile le buone prassi indicate dalla Lilt».

Tingere di rosa la Porta Pretoria, aggiunge infine l'assessore all'istruzione e cultura Chantal Certan, «vuole sottolineare l'attenzione che ogni donna deve dare alla tutela della propria salute attraverso la prevenzione, oltre ad essere la testimonianza dell’attenzione che abbiamo nei riguardi di questa tematica».

 

redazione

Pubblicità
Pubblicità