Aosta: riaprono parchi e cimiteri, ripristinata la possibilità di chiedere la residenza

Fino al 17 maggio rimane la gratuità dei parcheggi a pagamento. Rinviata l'attivazione del bike sharing

 

chiusureAOSTA. I parchi e i giardini pubblici del Comune di Aosta sono da oggi aperti, così come i cimiteri. Lo stabilisce l'ordinanza n. 879 con cui il capoluogo valdostano si adegua alle misure introdotte dal decreto del presidente del consiglio dei ministri del 26 aprile scorso e dall'ordinanza regionale.

Come nel resto del territorio rimangono chiuse le aree gioco per i bambini ed è vietato l'uso delle attrezzature ludiche e dei campi sportivi per evitare il formarsi di assembramenti. Nelle aree verdi ci si può sedere sulle panchine rispettando sempre le distanze minime interpersonali. Chi svolge attività motoria o sportiva deve rispettare le distanze, rispettivamente, di uno e due metri. I proprietari di cani inoltre possono accedere alle isole dedicate di corso Lancieri e via Monte Emilus.

I cimiteri come detto riaprono, sia quello comunale sia quelli delle frazioni. Per accedervi bisogna indossare mascherine o comunque coprire naso e bocca.

Le cerimonie civili sono sospese, ma sono consentite le cerimonie funebri a cui possono partecipare solo i parenti più stretti fino a 15 persone con funzioni "da svolgersi preferibilmente all'aperto, indossando protezioni delle vie respiratorie e rispettando rigorosamente la distanza di sicurezza interpersonale".

Almeno fino al 17 maggio tutta una serie di disposizioni rimarrà invece in vigore inclusa la chiusura delle toilettes pubbliche, la chiusura dei parcheggi coperti Carrel, Consolata e de La Ville, il mantenimento della gratuità degli stalli "blu" a pagamento. E' inoltre rinviata l'attivazione del servizio di bike sharing "a data successiva al termine del periodo di emergenza" e del servizio di pubblicità e affissione.

Infine gli uffici comunali tornano a ricevere le richieste di residenza.

 

C.R.

 

Pin It
© 2020 Aostaoggi.it