Verde cittadino, Legambiente al neo sindaco Nuti: serve un cambio di rotta

'Finalmente il verde è visto non come un problema, ma come un rimedio ai cambiamenti climatici'

 

Nuti e Centoz

 

AOSTA. All'indomani del passaggio di consegne tra Fulvio Centoz e il nuovo sindaco di Aosta Gianni Nuti, il circolo valdostano di Legambiente chiede alla nuova amministrazione "un cambio di rotta" nella gestione del verde e degli alberi della città.

"Alberi tagliati in corso Saint MartinIl 21 novembre è la Festa dell'albero. In questi ultimi anni Aosta si è invece contraddistinta per aver fatto la “festa” agli alberi", afferma il circolo citando il taglio di alberi in via Giorgio Elter funzionale alla realizzazione della nuova strada di collegamento con corso Saint-Martin-de-Corléans. 

"Mentre si chiudeva il capitolo elettorale e terminava lo spoglio dei voti - dice l'associazione - , in via Giorgio Elter ad Aosta iniziava a consumarsi un nuovo taglio di alberi, tigli che rendevano il quartiere Cogne più zona polmone che non periferia".

"Abbiamo molto apprezzato l'attenzione dedicata al verde urbano nei programmi di entrambi i contendenti alla fusciacca del capoluogo - dichiara il presidente del circolo Denis Buttol - segno che finalmente il verde è visto non come un problema ma quale rimedio ai cambiamenti climatici, oasi di frescura nelle calure estive e segno di vita in mezzo al grigio asfalto: verde che fa bene allo spirito e alla salute di chi abita in città. Su questo tema - dice Buttol - ci aspettiamo quindi una risposta da parte del neo Sindaco Gianni Nuti che trovi sponda anche nel capogruppo di minoranza Giovanni Girardini”.



E.G.

 

 

Pin It
© 2020 Aostaoggi.it