.

Buoni spesa, aperte le adesioni alla piattaforma comunale per negozi e farmacie di Aosta

Nei prossimi giorni sarà attivato anche l'avviso per l'assegnazione dei buoni spesa alle famiglie in difficoltà

 

Municipio di Aosta

Gli esercizi commerciali e le farmacie del capoluogo valdostano che intendono accettare i buoni spesa erogati alle famiglie in difficoltà economica a causa dell'emergenza sanitaria da Covid-19 possono aderire all'avviso che il Comune di Aosta ha pubblicato sull'albo pretorio comunale telematico.

Gli operatori che aderiscono saranno inseriti in un elenco consultabile on line dal sito istituzionale dell'ente. «I punti vendita che aderiranno all’iniziativa - spiega il Comune - potranno accedere alla piattaforma telematica, inserire i propri dati di riferimento (insegna, indirizzo punto vendita, ecc.) e disporre liberamente di un accesso riservato. Mediante l'utilizzo di apposite credenziali, che riceveranno a seguito dell’effettuazione della registrazione on line, potranno, quindi, accedere al pos web per effettuare le transazioni, digitando il codice fiscale e il Pin dei cittadini, nonché consultare i movimenti effettuati e modificare e/o integrare le informazioni sulla propria attività e pubblicarle sulla propria pagina dedicata».

La manifestazione di interesse da parte degli esercizi di vicinato e delle farmacie può essere presentata entro il 31 dicembre 2021, data di scadenza dei buoni spesa. Per coloro che hanno necessità, un servizio di supporto alla compilazione della modulistica è disponibile presso le biblioteche comunali di viale Europa e del quartiere Dora.

Nei prossimi giorni il Comune capoluogo attiverà anche l'avviso pubblico per l'assegnazione dei buoni spesa che possono essere utilizzati per acquistare generi di prima necessità: alimenti, prodotti per l'igiene personale e della casa, farmaci e parafarmaci.

«Dopo aver messo a punto uno strumento che fornisse le massime garanzie sia all’Amministrazione che agli esercenti di gestire al meglio la misura dei buoni spesa, siamo finalmente in grado di erogare la misura con la certezza di riuscire a intercettare con precisione i bisogni di una parte della popolazione che, purtroppo, sta ancora risentendo pesantemente degli effetti della crisi economica dovuta alla pandemia», dice l'assessore Clotilde Forcellati.

«In attesa di avviare la ricezione delle domande per la misura di sostegno da parte dei cittadini - prosegue la titolare in Comune delle Politiche sociali - intendiamo formare in elenco quanto più esaustivo possibile di attività economiche di vicinato che accettino i buoni spesa, in modo da premiare, come concordato con le associazioni di categoria, anche quegli esercizi che, pur nelle difficoltà dei mesi passati, hanno garantito un servizio di prossimità di primaria importanza ai cittadini, soprattutto quelli appartenenti alle fasce più fragili come gli anziani».

 

Elena Giovinazzo

 

 

Pin It

Articoli più letti su Aostaoggi.it

© 2020 Aostaoggi.it