gallerie

Le ultime notizie di attualità dalla Valle d'Aosta

In un post il noto fotografo naturalista critico su parcs animalier, abbattimento delle ghiandaie, eliski, impianti di risalita e caccia

 

AOSTA. "Amanti della natura, delle passeggiate in montagna, della fotografia naturalistica. Non venite in Valle d'Aosta. Qui vi prendono in giro". Parola del noto fotografo naturalista Stefano Unterthiner, autore di un post al vetriolo pubblicato oggi sulla sua pagina di Facebook.

AOSTA. Senza rullo di tamburi, senza sospendere le pubblicazioni, tra sabato 23 e domenica 24 agosto Aostaoggi.it ha cambiato la sua grafica ed ha attivato una serie di servizi per adeguarsi alle nuove tecnologie e rispondere alle esigenze dei suoi lettori.

Essere il numero uno dell'informazione on line della Valle d'Aosta significa anche essere sempre più vicini alle richieste del vasto numero di lettori che ogni giorno consultano le pagine del nostro quotidiano per conoscere gli avvenimenti della nostra regione.

In pochi anni siamo passati da computer collegati ad una rete a 56Kb ad apparecchi collegati alla banda larga. Negli ultimi tre anni abbiamo assistito al sorpasso dell'utilizzo di smartphone per la navigazione rispetto ai tradizionali pc. Aostaoggi.it ha pertanto assunto caratteristiche "responsive" che permettono alle pagine del quotidiano di adattarsi alle dimensione di iPhone, tablet e smartphone.

Certo ogni cambiamento può generare anche dei piccoli o grandi errori e per questo chiediamo la vostra collaborazione nel segnalarci gli eventuali inconvenienti durante la navigazione su Aostaoggi.it che possono essere sfuggiti agli attenti occhi dei nostri tecnici.

Marco Camilli

Tags:

Per preservare meleti e frutteti potranno essere abbattuti con fucili, rapaci o gabbie-trappola 4.500 volatili

 

AOSTA. Appena un anno fa aveva scatenato sul web l'indignazione di animalisti ed ambientalisti, con tanto di petizione on line che nel giro di pochi giorni aveva inondato le caselle email degli uffici regionali con centinaia di messaggi di critica. Oggetto della protesta era la decisione dell'Amministrazione regionale di abbattere ghiandaie e corvidi per preservare frutteti (in particolare i meleti) e vigneti.

Tags:

Inaugurata nel 1996 conta quasi tre milioni di prestiti ed un fondo documentario di 300 mila documenti

 

 

AOSTA. Oltre 3 milioni 600 mila prestiti, tra cui quasi 2 milioni di libri, 56.356 tessere attivate e 13.623 utenti attivi: sono alcuni dei numeri diffusi dall'assessorato regionale dell'istruzione e cultura per i 18 anni della biblioteca regionale di Aosta.

 

La struttura è stata aperta il 2 settembre 1996 e inaugurata ufficialmente tre mesi dopo, il 2 dicembre, e rappresenta oggi come allora il centro di un Sistema bibliotecario regionale che attualmente conta 55 centri di consultazione e prestito distribuiti nei comuni.

© 2020 Aostaoggi.it