Oggi è il

Valle d'Aosta: carcere di Brissogne, un pericolo per la salute dei Valdostani

  • Pubblicato: Lunedì, 04 Giugno 2018 08:22

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

carcereAOSTA. E' notizia di qualche giorno fa che nella casa circondariale di Brissogne è stata rilevata rececntemente una "alta concentrazione" di legionella. Il batterio è molto contagioso e si trasmette attraverso l'acqua, il vapore acqueo, i condizionatori d'aria.

E' facile pensare che il problema sia circoscritto esclusivamente all'ambiente carcerario, ma non è così. Basti pensare ai visitatori: coniugi, genitori e figli che vanno a colloquio con i parenti detenuti e frequentano le aree messe a disposizione in cui sono presenti anche fontane che i bambini toccano per giocare. Ci sono poi gli agenti di polizia penitenziaria e gli addetti dell'amministrazione che utilizzano l'acqua calda sanitaria della struttura carceraria durante il turno di lavoro e poi tornano a casa, dalle famiglie.

Le domande, inevitabili, sono: questo batterio ha contagiato detenuti ospiti di Brissogne? Ha contagiato guardie penitenziarie o membri della amministrazione penitenziaria? Ha contagiato i familiari dei detenuti, i figli minori? Per ora non si hanno informazioni a riguardo, ma questo è un fatto di estrema gravità che deve far riflettere su come il carcere di Brissogne non sia alieno al territorio bensì parte integrante di un tessuto che, per le sue interazioni, riguarda l'intera Valle d'Aosta.

E' bene ricordare che, per quanto riguarda l'assistenza sanitaria nel penitenziario, il protocollo di intesa tra la Regione e l'amministrazione carceraria non è completamente operativo. Al momento la Regione fornisce all'istituto i farmaci che dovrebbero essere somministrati ai detenuti, mentre per la presenza di medici ci si affida cooperative esterne.

Questo tipo di organizzazione ha effetti negativi su tutto il sistema carcerario, compreso il rispetto delle norme minime igienico-sanitarie. L'auspicio è che il nuovo governo valdostano e soprattutto il nuovo assessore alla sanità possano a prendere in mano la questione, potenzialmente pericolosa per la salute dell'intera popolazione valdostana, e riportino ad un livello accettabile la gestione della sanità penitenziaria nel carcere di Brissogne.

Marco Camilli

Altre news di attualità

  • Aosta, accusò poliziotti di averlo picchiato: condannato per calunnia
    AOSTA. Un ventinovenne di origine marocchina è stato condannato a tre anni di reclusione per calunnia: aveva sostenuto di essere stato picchiato da alcuni poliziotti durante il suo arresto, avvenuto lo scorso novembre.
  • Scialpinista infortunato recuperato a Valsavarenche
    VALSAVARENCHE. Uno scialpinista infortunato è stato recuperato oggi pomeriggio dal Soccorso Alpino Valdostano al colle Gran Neyron, a Valsavarenche. L'elicottero ha raggiunto i 3.300 metri di quota per soccorrere l'uomo, di nazionalità francese, e riportarlo a valle.
  • Auto si ribalta sulla statale 26, ferita la conducente
    SARRE. Una automobilista è stata portata al pronto soccorso di Aosta in seguito ad un incidente avvenuto nella tarda mattinata di oggi sulla strada statale 26 tra i comuni di Sarre e Saint-Pierre. La donna ha perso il controllo dell'auto in prossimità della rotatoria che conuce alla strada per la val di Cogne e il veicolo si è ribaltato su una fiancata.
  • Fosson: verifiche su collaborazione uffici con la Procura di Aosta
    AOSTA. «Stiamo lavorando nel rispetto massimo della trasparenza e della legalità in un momento di grande difficoltà». Così il presidente della Regione, Antonio Fosson, nel dibattito di questa mattina in Consiglio Valle sulla perquisizione della guardia di finanza compiuta venerdì scorso negli uffici di Palazzo regionale.
  • Collaborazione tra Regione a AIF per avvicinare gli studenti valdostani alla fisica
    AOSTA. Avvicinare gli studenti alla scienza e in particolare stimolare l'interesse per la fisica è l'obiettivo di una collaborazione triennale che coinvolge l'Amministrazione regionale e la sezione della Valle d'Aosta dell'A.I.F. - Associazione per l'Insegnamento della Fisica.
Pubblicità
AostaOggi.IT è un prodotto della testata giornalistica WEBITALYNEWS
Direttore responsabile Luigi Palamara
Direttore editoriale Marco Camilli
Registrazione Tribunale di Aosta N° 01/05 del 21 Gennaio 2005
P.IVA 01000080075