Oggi è il

La Commissione Paritetica, ennesimo esempio di una non politica che svilisce l'Autonomia

  • Pubblicato: Giovedì, 18 Ottobre 2018 14:05
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 
Pin It


Il continuo rinvio delle nomine, un consiglio regionale che sa solo parlarsi addosso, Roma in attesa che la Valle d'Aosta batta un forte colpo

 

chanoux emileAOSTA. Non è un argomento sexy, non si presta a titoli virali e difficilmente attira l'attenzione dell'opinione pubblica, eppure la Commissione Paritetica rappresenta forse molto più di tante altre cose uno dei baluardi dell'Autonomia della Valle d'Aosta. Merita la massima attenzione da parte dei valdostani elettori e della politica.

Quella politica, che in Consiglio regionale ad ogni occasione urla di "senso di reponsabilità" e di "difendere l'autonomia" dagli "attacchi di Roma", da tempo rinvia ogni decisione su questo organo molto importante. Importante in quanto lavora affinché la legislazione nazionale non "invada" quella valdostana e non "calpesti le sue prerogative", per ripetere alcuni dei concetti uditi in questi anni.

Si dice spesso che l'elefantiaca burocrazia italiana blocchi le iniziative, impedisca lo sviluppo, rallenti ogni decisione. Paradossalmente invece ora che la Valle d'Aosta avrebbe tutto l'interesse ad agire nel più breve tempo possibile, è Roma a trovarsi nella situazione di aspettare, persino di sollecitare la politica valdostana a muoversi. Lo sta facendo da mesi. E Aosta continua a non decidere.

Strano? Ovviamente no. Perché anche una nomina di questo genere, che dovrebbe essere pensata esclusivamente per il bene della Valle d'Aosta tutta, ha implicazioni politiche. Il discorso quindi torna sempre allo stesso punto: una politica ferma da anni ai battibecchi infantili, al parlarsi addosso, al voler far crescere il proprio orticello facendo terra bruciata tutto intorno, indebolendo e sminuendo quell'Autonomia che è l'unico motivo che permette ai nostri loquaci rappresentanti di essere lì dove sono.

La nomina della Commissione Paritetica è quindi un perfetto indicatore delle reali intenzioni e delle vere capacità della politica valdostana. Che parla tanto, accusa molti e poi lascia tutto com'è.

 

Marco Camilli

 

Altre news di attualità

  • Prosegue la crisi di vendite dell'informazione su carta stampata
    AOSTA. Dopo cinque anni dall'ultimo sondaggio torniamo a verificare lo stato di salute dei giornali cartacei sotto forma di vendite.
  • Assunzione operai in Regione, a breve la pubblicazione dei bandi
    AOSTA. A distanza di un paio di mesi dalla presentazione del provvedimento in Giunta, l'atto che ufficializza l'assunzione da parte della Regione di dieci operai a tempo indeterminato è stato formalizzato.
  • Condoléances de Fosson et Rini pour le décès de Federica Diémoz
    AOSTE. Au nom du Gouvernement régional, le Président de la Région, Antonio Fosson, a présenté ses sincères condoléances à la famille de Federica Diémoz, directrice du Centre de dialectologie et d’étude du français régional de l’Université de Neuchâtel, ainsi que directrice ad interim du « Glossaire des patois de la Suisse romande », qui vient de disparaître.
  • Cambio al vertice dell'associazione librai della Valle d'Aosta
    AOSTA. Cambio al vertice della sede valdostana dell'A.L.I., l'Associazione Librai Italiani. Dopo oltre un ventennio, Margherita Fosson lascia il posto a Clara Acerbi, 33 anni, libraia di Aosta eletta presidente dall'associazione Librai Confcommercio VdA.
  • Valle d'Aosta, un Museo della memoria per ricordare gli emigrati
    AOSTA. Domenica 11 agosto si è svolta l'edizione 2019 della Rencontre Valdôtaine, manifestazione dedicata ai valdostani emigrati in altri Paesi d'Europa e del mondo. Accanto a questo evento è stata organizzata ad Aosta anche l'abituale tavola rotonda sul tema dell'emigrazione durante la quale è stata lanciata ufficialmente l'idea di realizzare un "Museo della memoria".
Pubblicità
Pubblicità
AostaOggi.IT è un prodotto della testata giornalistica WEBITALYNEWS
Direttore responsabile Luigi Palamara
Direttore editoriale Marco Camilli
Registrazione Tribunale di Aosta N° 01/05 del 21 Gennaio 2005
P.IVA 01000080075