Oggi è il

Preoccupazione a Courmayeur per il trasferimento del Centro Sportivo Esercito

  • Pubblicato: Venerdì, 09 Novembre 2018 11:23

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 


Timori dell'Ana Valle d'Aosta per le voci di trasferimento di atleti verso l'Alto Adige

Centro Sportivo Esercito

COURMAYEUR. Cresce la preoccupazione ai piedi del Monte Bianco per il possibile trasferimento del Centro Sportivo Esercito. La struttura potrebbe lasciare la Valle d'Aosta e rinascere in Trentino Alto Adige.

«In questi mesi si sono fatte insistenti le voci di prossimi trasferimenti volontari di atleti nelle caserme di Brunico e San Candido che, riadattate per l'installazione di servizi particolari per gli atleti del C.S.E., creerebbero presupposti seri per un asse sportivo proiettato verso l'Alto Adige», spiega preoccupata la sezione valdostana dell'Ana. Il timore è che «questo possa essere un primo passo per la costituzione di un piccolo C.S.E. al di fuori della nostra Regione, depauperando progressivamente la ricchezza e la tradizione di un patrimonio nato e consolidato in Valle d'Aosta». Il Cse di Courmayeur potrebbe diventare a quel punto «sede di ricettività diverse da quelle sportive».

«In più di ottanta anni di attività il modello del C.S.E. ha dimostrato una sua validità incontestabile ottenendo in tutte le manifestazioni internazionale e nazionali prestigiosi risultati consegnati alla storia dello sport italiano», sottolineano gli Alpini della Valle d'Aosta.

Question time dell'Uvp

Sul caso, il gruppo in consiglio regionale dell'Uvp ha presentato una interrogazione a risposta immediata. «E' importante che le istituzioni valdostane intraprendano un forte azione volta a mantenere sul nostro territorio il Centro Sportivo Esercito, che rappresenta un fiore all'occhiello della Valle d'Aosta. Noi, come gruppo UVP, siamo pronti a dare tutto il nostro supporto per tutelare questo importantissimo patrimonio di professionalità del mondo della montagna e dello sport», annuncia il consigliere Laurent Viérin.

 

E.G.

Altre news di attualità

  • Confermata la chiusura per 2 anni del Traforo del Monte Bianco
    COURMAYEUR. Il Traforo del Monte Bianco dovrà chiudere completamente al traffico per lavori di manutenzione straordinaria che dureranno circa due anni. La Società italiana del tunnel lo ha confermato in una lettera inviata al governo regionale in risposta alle richieste di informazioni inviate dopo che l'ipotesi di costruzione di una seconda galleria è tornata d'attualità.
  • Trasporti, il 21 gennaio sciopero anche in Valle d'Aosta
    AOSTA. Le organizzazioni sindacali della Valle d'Aosta hanno aderito allo sciopero di 4 ore proclamato il 21 gennaio per il settore dell'autonoleggio con conducente e delle autolinee del trasporto pubblico locale. La protesta riguarda il "pacchetto mobilità" proposto dalla Commissione europea che prevede la liberalizzazione dei servizi di trasporto delle persone con autobus e pullman all'interno dell'Unione Europea. 
  • Sostegno negato a bambino con disabilità: il Tar condanna la Regione
    AOSTA. Il Tar della Valle d'Aosta ha accolto il ricorso di una coppia che chiede l'attivazione, da parte dell'Amministrazione regionale, di un "progetto individuale di vita" per il figlio affetto sin dalla nascita da gravi disabilità e non autosufficiente.
  • Inail, in calo le denunce di infortuni sul lavoro in Valle d'Aosta
    AOSTA. Sono in calo le denunce di infortuni registrate in Valle d'Aosta dall'Inail. Nel rapporto sull'attività del 2018, con dati riferiti all'anno precedente, le denunce risultano 1.603, in calo dello 0,56 per cento rispetto al 2016 e del 2,43 per cento sul 2015.
  • Scuola, dal Miur 267mila euro alla Valle d'Aosta
    ROMA. Tre istituzioni scolastiche della Valle d'Aosta potranno accedere ai fondi statali per la messa in sicurezza e la costruzione di palestre ad uso scolastico. I progetti delle tre scuole sono compresi infatti fra i 93 interventi presentati da tutta Italia e inseriti dal Ministero dell'istruzione nell'elenco dei lavori che possono usufriore dello speciale bando nazionale del valore di 50 milioni di euro.
Pubblicità
AostaOggi.IT è un prodotto della testata giornalistica WEBITALYNEWS
Direttore responsabile Luigi Palamara
Direttore editoriale Marco Camilli
Registrazione Tribunale di Aosta N° 01/05 del 21 Gennaio 2005
P.IVA 01000080075