Inchiesta Casinò, Fosson e Testolin: "non eravamo a conoscenza delle lettere"

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Fosson Testolin

AOSTA. «Non ne eravamo a conoscenza». Così il presidente della Regione, Antonio Fosson, e l'assessore regionale al Bilancio, Renzo Testolin, hanno risposto alle domande dei giornalisti in merito alle tre lettere del 2014 oggetto di una nuova inchiesta della Procura di Aosta sul Casinò de la Vallée.

Augusto Rollandin, all'epoca presidente della Regione, risulta indagato per abuso d'ufficio. Fosson e Testolin erano entrambi componenti dell'allora giunta regionale e oggi, a margine della conferenza stampa dell'esecutivo, hanno affermato di non sapere della loro esistenza. «Non sono lettere che hanno avuto un passaggio in Giunta», hanno spiegato.

In merito alle perquisizioni di questa mattina negli uffici della Regione, Fosson ha riferito che sono stati raccolti «informazioni e dati». Tra i documenti di interesse per le Fiamme gialle «non ci sono atti governativi, di giunta o di consiglio».

 

 

 

M.C.