Assoluzione Longarini, gup: telefonata a Cuomo fu superficialità

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

AOSTA. "La telefonata relativa all'interessamento del dr. Longarini nei confronti" dell'imprenditore "Gerardo Cuomo rimaneva nell'ambito di una generica superficialità piuttosto che di volontà di compiere un atto inappropriato". Lo scrive il gup di Milano Guido Salvini nelle motivazioni della sentenza di assoluzione di Pasquale Longarini dalle accuse di induzione indebita, rivelazione di segreto d'ufficio e favoreggiamento.

Il giudice spiega che "per quanto improvvida possa essere stata l'iniziativa" dell'ex procuratore capo facente funzione di Aosta, "si tratta di una telefonata di 79 secondi avvenuta per di più in un luogo pubblico in cui, esauriti i convenevoli e le notizie circa le relative famiglie, ben poco l'imputato può aver detto per favorire Gerardo Cuomo".

Inoltre il gup fa notare che "non vi è alcuna traccia, nonostante l'ampiezza delle indagini svolte, di un interessamento successivo del dr. Longarini in merito ai rapporti commerciali tra Cuomo e Barathier".

 

 

 

 

redazione