.

Valle d'Aosta, i divieti post Pasqua aspettando le nuove ordinanze di Lavevaz

Anche per la Valle d'Aosta dal 6 aprile cambiano le restrizioni contro la diffusione del Covid-19

 

CovidAOSTA. Terminata la "finestra rossa" di Pasqua delle misure di contenimento contro il Covid-19, dal 6 aprile le regioni arancioni tornano ad essere tali e quelle rosse rimangono sotto lockdown. 

Per le zone rosse come la Valle d'Aosta le norme nazionali consentono dal 6 aprile di spostarsi solo per motivi di lavoro, di salute o di necessità e per fare ritorno alla propria abitazione e mantengono il coprifuoco serale (dalle ore 22 alle 5). Uscire di casa per far visita ad amici e parenti non sarà più possibile.

L'ordinanza regionale che adegua queste disposizioni del governo al territorio valdostano permette di spostarsi nei Comuni vicini al proprio soltanto per usufruire di attività e di servizi non sospesi, consente la cura di orti e frutteti anche al di fuori del Comune di residenza, conferma il divieto di entrare in Valle d'Aosta per raggiungere le seconde case. Il provvedimento inoltre permette di svolgere attività motoria entro il proprio Comune e l'attività sportiva sempre entro i confini comunali, ma al di fuori delle vie principali dei centri abitati e preferibilmente su strade e percorsi secondari e sentieri segnalati.

L'ordinanza in questione è valida fino al 6 aprile e sarà probabilmente estesa per il periodo in cui la Valle d'Aosta resterà in zona rossa. 

Sempre il 6 aprile scade anche l'ordinanza firmata il 31 marzo dal presidente della Regione Erik Lavevaz che stabilisce lo svolgimento in presenza le attività dei servizi per la prima infanzia. In attesa delle nuove disposizioni regionali si può dare un'occhiata a quanto indicato nell'ultimo decreto legge: dal 7 al 30 aprile è assicurato lo svolgimento in presenza dei servizi educativi per l'infanzia e dell'attività scolastica e didattica nella scuola dell'infanzia, nella scuola primaria e nel primo anno della scuola secondaria di primo grado. 

 

 

Clara Rossi

 

 

Pin It
© 2020 Aostaoggi.it