La botanica di Raffaello, conferenza alla biblioteca di Aosta

Pin It

Con la prof.ssa Giulia Caneva nell'Anno Internazionale della salute delle piante

 

raffaello

AOSTA. Venerdì 28 febbraio si terrà ad Aosta la conferenza La botanica di Raffaello: il Rinascimento, la scoperta dell’Antico e quella del Nuovo Mondo, a cura della professoressa Giulia Caneva.

La conferenza apre la rassegna BiblioRencontres 2020 PrésVerts, ispirata all'Anno Internazionale della salute delle piante, proclamato dalle Nazioni Unite. La serata vuole inoltre rendere omaggio al grande genio urbinate Raffaello Sanzio, a 500 anni dalla sua morte.

Sulla scia del nuovo spirito del Rinascimento, Raffaello e gli artisti della sua scuola abbandonarono lo stile di rappresentazione della natura tipico del Medioevo. La Loggia di Amore e Psiche nella residenza di Agostino Chigi a Roma, così come la Loggia di Raffaello in Vaticano, rappresentano esempi eccezionali di questo nuovo interesse per la natura e della nuova reinterpretazione dell’arte antica. Si tratta in entrambi i casi di meravigliosi e rilevanti esempi di “inventari” della biodiversità che raccolgono migliaia di immagini di elementi vegetali, per un totale di circa 170 differenti specie nella Loggia di Amore e Psiche e 100 nella Loggia di Raffaello. Nel caso della residenza dei Chigi (oggi nota come Villa Farnesina e sede dell’Accademia Nazionale dei Lincei) la diversità vegetale detiene il record assoluto per quanto riguarda la ricchezza e il numero di specie che vanno a costituire i festoni rappresentati sulla volta della Loggia. È proprio qui che è possibile datare le prime rappresentazioni della presenza, in Europa, di specie provenienti dal continente americano, a meno di venti anni dal ritorno di Cristoforo Colombo dalla sua prima spedizione.

La conferenza si svolgerà alle ore 21 presso la Biblioteca regionale B. Salvadori.

 

 

 

C.R.

 

 

 

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
AostaOggi.IT è un prodotto della testata giornalistica WEBITALYNEWS
Direttore responsabile Jr. Ennio Pedrini /  Direttore editoriale Marco Camilli  /  Registrazione Tribunale di Aosta N° 01/05 del 21 Gennaio 2005  /  P.IVA 01000080075
© 2020 Aostaoggi.it