La rassegna BiblioRencontres parla della botanica di Raffaello

Terza conferenza online dedicata a Raffaello Sanzio a 500 anni dalla sua morte

 

la Botanica di Raffaello

AOSTA. Nel cinquecentesimo anno della morte di Raffaello, la biblioteca regionale di Aosta dedica all'artista genio di Urbino una conferenza della rassegna BiblioRencontres PrésVerts 2020.

Rispettando il fil rouge della manifestazione, cioè l'Anno internazionale della salute delle piante, l'evento è intitolato "La botanica di Raffaello: il Rinascimento, la scoperta dell’Antico e quella del Nuovo Mondo" e si svolgerà in streaming sul canale YouTube del Sistema bibliotecario valdostano l'8 settembre alle ore 21.

La conferenza curata dalla professoressa Giulia Caneva proporrà un viaggio nell'arte di Raffaello Sanzio che, sulla scia del nuovo spirito del Rinascimento, abbandonò lo stile di rappresentazione della natura tipico del Medioevo seguendo un nuovo interesse per la natura e la reinterpretazione dell'arte antica. La “Loggia di Amore e Psiche” nella residenza di Agostino Chigi a Roma e la "Loggia di Raffaello" in Vaticano sono rilevanti esempi di "inventari" della biodiversità in quanto raccolgono migliaia di immagini di elementi vegetali. Nel caso della residenza dei Chigi (oggi nota come Villa Farnesina e sede dell’Accademia Nazionale dei Lincei) la diversità vegetale detiene il record assoluto per quanto riguarda la ricchezza e il numero di specie, le quali vanno a costituire i festoni rappresentati sulla volta della Loggia. 

Giulia Caneva è professore ordinario di Botanica Ambientale e Applicata all'Università degli studi Roma Tre; membro della Società Botanica Italiana dal 1980 e Coordinatrice del gruppo di Lavoro per le Botaniche applicate dal 2001. È anche autrice di oltre 200 articoli nazionali e internazionali e di 21 testi monografici e coautrice del libro "Raffaello e l'immagine della natura. La raffigurazione del mondo naturale nelle decorazioni delle Logge vaticane".

 

 

redazione

 

 

Pin It
© 2020 Aostaoggi.it