.

Le mostre del Forte di Bard riaprono dal 28 maggio

Nell'offerta espositiva anche le anteprime nazionali di Wildlife Photographer of the Year e C'era una svolta

 

C'era una svolta

BARD. Il Forte di Bard si prepara per riaccogliere il pubblico. La Valle d'Aosta tornerà in zona gialla dalla prossima settimana e la fortezza potrà riaprire le visite alle mostre allestite nei suoi spazi.

Due le nuove mostre fotografiche in anteprima nazionale: l'attesa Wildlife Photographer of the Year dedicata alla fotografia naturalistica e C'era una svolta, un progetto Ansa che racconta 75 anni dell'Italia che cambia. Le due esposizioni saranno aperte da venerdì 28 maggio sino a martedì 31 agosto. Il 27 maggio alle ore 14.30, ci sarà un'anteprima con visita guidata riservata ai possessori della Membership Card del Forte.

Sempre dal 28 maggio sarà possibile vistare la mostra d'arte I Macchiaioli, una rivoluzione en plein air con 80 capolavori del movimento artistico che ha rivoluzionato la storia della pittura italiana dell’Ottocento e l'Omaggio a Dante con l’esposizione, all’interno della Cappella di San Maurizio, di una preziosa Divina Commedia del 1487 proveniente dalla collezione del Castello di Castiglione del Terziere.

L'offerta espositiva comprende inoltre, la possibilità di visitare il Museo delle Alpi, il percorso delle Prigioni e il Museo delle Fortificazioni e delle Frontiere che ospita La memoria dell'Aosta. Il sacrario del 4° Reggimento Alpini che presenta 124 pezzi tra i più rappresentativi e significativi della storia del Battaglione Aosta e del 4° Reggimento.

Il Forte di Bard sarà aperto nei consueti orari (feriali dale ore 10.00 alle 18.00, sabato e domenica, dalle ore 10.00 alle 19.00, con ultimo ingresso un’ora prima della chiusura) e in occasione del ponte festivo del 2 giugno il Forte sarà aperto anche lunedì 31 maggio.

La prenotazione non è necessaria mentre resta obbligatoria per i gruppi; è comunque consigliato l’acquisto dei biglietti online.

 

 

redazione

 

 

Pin It

Articoli più letti su Aostaoggi.it

© 2020 Aostaoggi.it