.

Un viaggio indietro nel tempo con le Giornate Fai d'Autunno a Saint-Marcel

Domenica 17 escursione nelle frazioni alte di Saint-Marcel alla riscoperta delle usanze d'antan

 

Antico Mulino

Un fine settimana di ottobre per scoprire luoghi e bellezze del territorio normalmente inaccessibili o poco conosciuti. Accade sbato 16 e domenica 17 ottobre in occasione delle X Giornate Fai d'Autunno che quest'anno coinvolge 300 città italiane, 600 siti del territorio e 5.000 volontari del Fondo Ambiente Italiano.

In Valle d'Aosta aderisce alle Giornate Fai d'Autunno 2021 il comune di Saint-Marcel con un tour intitolato "Saint-Marcel d'antan" alla scoperta dei villaggi della zona alta del comune. Domenica, dalle ore 9.30 alle 13 e dalle ore 14 alle 17, sarà possibile partecipare a un viaggio indietro nel tempo per riscoprire le tradizioni e le usanze di epoche passate, da Enchasaz a Seissogne, e visitare il santuario più imponente della Valle d'Aosta.

L'itinerario di circa un'ora tocca le case seicentesce di Seissogne, l'antico mulino e il forno oggi usato per la cottura del pane e, passando dalla mulattiera nel bosco, raggiunge l'abitato di Plout. Qui è prevista una visita esclusiva al santuario di Notre Dame de Tout Pouvoir le cui origini risalgono probabilmente al 1560, quando venne rinvenuto un simulacro della Madonna che divenne presto fulcro delle devozioni degli abitanti del luogo. Accanto al santuario si potranno degustare e acquistare i prodotti del territorio, tra cui il Pan Ner appena sfornato. In questa zona viene coltivata sin dal Settecento la mela Raventze, tra le più note varietà autoctone valdostane, utilizzata per la produzione del sidro di mele.

Le Giornate Fai d'Autunno si svolgeranno seguendo le indicazioni normative per prevenire i contagi da Covid-19. Partecipando all'iniziativa sarà anche possibile sostenere il Fondo Ambiente Italiano versando il contributo suggerito di 3 euro. La donazione online consentirà, a chi lo volesse, di prenotare la propria visita.

 

Elena Giovinazzo

 

Pin It

Articoli più letti su Aostaoggi.it

© 2020 Aostaoggi.it