.

Verrayes, la Féta de la Sarieula compie 10 anni

 

La sagra dedicata alla particolare pianta inizierà il 14 maggio

feta-sarieula15VERRAYES. E' arrivata all'edizione numero 10 la Féta de la Sarieula, tradizionale appuntamento enogastronomico a Verrayes con il timo selvatico.

Conosciuta già da egizi e romani per le sue proprietà curative, la Sarieula è una pianta perenne appartenente alla famiglia delle Laminaceae, dal nome scientifico Thymus serpyllum ma meglio conosciuto, appunto, come timo selvatico, o timo Sanjuanero. Fiorisce tra maggio e fine estate e sviluppa una fragranza aromatica delicata che in alcune specie ricorda il limone o la melissa. La Féta de la Sarieula - in calendario proprio a maggio, dal 14 al 17 - è quindi un‘occasione per imparare a conoscere e ad apprezzare quest'erba selvatica che viene utilizzata per cucinare numerosi piatti ed è ottima per curare la tosse e altre infiammazioni e come disinfettante del tratto digestivo.

La decima edizione della sagra partirà con il 2° Tor de la Sarieula, gara di corsa in montagna inserita nel calendario delle martze a pia, alle ore 19 del 14 maggio. Seguiranno le premiazioni e l'apertura dello stand gastronomico con prodotti a base di Sarieula. Venerdì 15 maggio la festa continuerà con una serata danzante, dedicata ai più giovani, mentre sabato 16 maggio alle ore 19.30 aprirà lo stand gastronomico. Alle ore 21.00 ancora serata danzante, discoteca mobile ed elezione di miss Sarieula.
Il culmine della festa sarà domenica 17 con l'apertura dello stand gastronomico dalle 12.30, il pomeriggio danzante dalle 15 con gli Orient Express e una degustazione di frittelle alle erbe aromatiche presso lo stand dell'Associazione P.L. Vescoz.
A tutti coloro che gusteranno i piatti nel nostro stand gastronomico, la Proloco offrirà un sacchettino di Sarieula che potrà essere usato in cucina per impreziosire le proprie ricette.

Alla sagra sarà anche presente un mercatino di prodotti tipici locali durante tutta la giornata di domenica in collaborazione con la Coldiretti.

 

E.G.

Pin It

Articoli più letti su Aostaoggi.it

© 2021 Aostaoggi.it