.

Donnas, parte il conto alla rovescia per la Fiera di Sant'Orso 2016

 

Saranno 500 gli artigiani presenti il 17 gennaio. Gli organizzatori al lavoro per organizzare fiera e veillà

Fiera-donnas15DONNAS. Manca poco più di un mese all'edizione 2016 della Fiera del legno di Sant'Orso a Donnas. La "petite Foire", come è soprannominata, anche quest'anno anticipa di un paio di settimane l'appuntamento di Aosta: si svolgerà domenica 17 gennaio e i preparativi sono già in corso.

«Stiamo mettendo a punto le ultime cosette» conferma Graziano Comola, presidente del Comitato che da anni organizza l'evento grazie sull'impegno di un gruppo di 20 persone. A loro spetta il compito di radunare le centinaia ci artigiani presenti tutti gli anni nelle vie del borgo della bassa Valle e di organizzare tutti gli eventi collaterali alla grande manifestazione che vanta un passato invidiabile. «Anche questa è una fiera millenaria e pare sia nata prima di quella di Aosta» sottolinea infatti con orgoglio Comola. La forza della tradizione l'ha portata fino al XX secolo. «Prima della guerra i canavesani e i valdostani arrivavano dalle valli con i loro attrezzi agricoli per scambiarli e poi, negli anni '50, la manifestazione e tornata ed è nato il Comitato. E' negli anni '60 che la Fiera ha acquisito l'attuale struttura».

Anche nell'edizione 2016 gli artigiani espositori sono 500, tra le quali una trentina tra scuole e mobilieri. L'attesa è tanta per un appuntamento che, nonostante la crisi, ha sempre attirato migliaia di appassionati e curiosi. «C'è chi parla di 20mila, chi di 30mila visitatori, ma noi non abbiamo il contatore dei passaggi» spiega Comola. Avere dati precisi sull'afflusso in realtà non è così importante perché la soddisfazione per la riuscita dell'evento c'è sempre e l'unica vera preoccupazione riguarda le condizioni meteo. «Due anni fa siamo stati molto penalizzati in quanto pioveva e c'è stata meno gente, l'anno scorso invece ci sono stati di nuovo molti visitatori. Dipende molto dal tempo, comunque l'afflusso è sempre buono».

La fiera di Donnas sarà preceduta dalla Veillà. «Noi - riprende il presidente del Comitato - la organizziamo il venerdì sera, non il sabato come Aosta, per avere il tempo di allestire i banchetti per la Foire. Durante la serata vengono aperte 22, 23 cantine nel borgo e in ogni cantina è possibile trovare specialità diverse, dal prosciutto di Saint-Marcel alla trippa, dalla minestra di castagne alle patate e cotechino e così via. Si paga un'entrata e si può visitare tutte le cantine». Alla serata di festa sono invitati anche i genitori. «Durante la veillà i bambini potranno essere accompagnati a Palazzo Enrielli dove saranno tenuti dalle maestre dalle 20 alla mezzanotte, così i genitori possono visitare le cantine».

L'appuntamento è quindi per venerdì 15 con la veillà e domenica 17 gennaio 2016 con la fiera. Nell'attesa le informazioni sulla Fiera di Donnas sono disponibili su Fieradisantorso.com.

 

Marco Camilli

Pin It

Articoli più letti su Aostaoggi.it

© 2020 Aostaoggi.it