Disabilità, appello al governo valdostano: "servono risposte concrete"

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

disabileAOSTA. Il mondo della disabilità chiede più attenzione alla politica valdostana e si rivolge alla nuova giunta regionale per avere risposte concrete. Sono tante le questioni ancora in ballo e che non hannno ancora avuto quegli sviluppi attesi dalle famiglie nonostante l'importante appuntamento del 2017 "Ricomincio dal 3". 

In una lettera inviata agli assessori regionali ed al presidente della Regione, il Coordinamento Disabilità Valle d'Aosta cita ad esempio la delibera del 2018 sui servizi sociali, l'assistenza odontoiatrica, il progetto per un ospedale "amico", i servizi di trasporto e ancora l'inserimento nel mondo del lavoro delle persone con disabilità, il bando ministeriale sulla vita indipendente, i progetti "Dopo di noi", il problema dell'Isee, il riconoscimento e il supporto verso la figura del caregiver.

L'auspicio, scrive il Coordinamento Disabilità, è che questa «Giunta insieme al Consiglio possa occuparsi anche di questi bisogni che da troppo tempo aspettano risposte concrete».

In una nota è arrivata la risposta dell'Amministrazione regionale. «Il governo regionale - si legge nel comunicato - vuole sottolineare che la maggioranza regionale è attenta e sensibile alle istanze, alle esigenze e ai diritti dei più deboli e in questo senso vuole lavorare e agire, anche attraverso l'apertura di un tavolo di approfondimento delle tematiche che ancora devono trocare opportune soluzioni».

Il prossimo 17 gennaio è in calendario un incontro tra il referente del Cooordinamento Disabilità e l'assessore alla Sanità, Mauro Baccega.

Clara Rossi