2018 anno da record: è stato il più caldo degli ultimi 40 anni in Valle d'Aosta

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Sole

AOSTA. L'anno 2018 è stato per la Valle d'Aosta uno dei più caldi degli ultimi decenni. Lo stesso può dirsi per l'Italia (il più caldo dal 1800) e per il mondo intero visto che globalmente le temperature sono state superiori alle medie storiche.

Per la Valle d'Aosta in particolare la rete meteorologica regionale ha registrato dati che assicurano al 2018 il titolo di anno più caldo degli ultimi 40 anni.

Le temperature registrate nell'arco dei dodici mesi a tutte le quote «collocano il 2018 al primo posto con lo scarto di almeno 1°C in più rispetto alle medie degli ultimi dieci anni», spiega il Centro funzionale regionale nel tradizionale rapporto di inizio anno. I termometri sono rimasti sopra la media fin dai primi mesi, tra gennaio e aprile, e anche in autunno, tra fine ottobre e sino a dicembre. L'unica eccezione è stata una parentesi fresca di un mese tra fine febbraio e fine marzo.

Qualche curiosità: la temperature più alta è stata registrata a Saint-Christophe il 31 luglio: il termometro ha raggiunto i 36,5° C. A Donnas «si sono ripetute nell'estate ben 22 notti tropicali, con temperature uguali o superiori a 20°C». Ad Aosta la stessa situazione è stata vissuta per cinque notti

Il 2018, spiega sempre il Centro funzionale regionale, rimarrà un anno da ricordare anche sotto l'aspetto delle precipitazioni. In questo caso non si parla di record (nel 2000, nel 2002 e nel 2008 sono state anche superiori) bensì di eventi significativi e degni di nota, come il maltempo di inizio novembre caratterizzato da piogge forti e persistenti e vento che in alcune occasioni ha raggiunto i 200 km/h e le forti nevicate di inizio anno che hanno fatto scattare in molte vallate laterali l'allerta rossa per le valanghe.

Di tutt'altro tenore l'inizio del 2019. «Come segnalato dal settore cambiamenti climatici dell'ARPA, tra dicembre 2018 e gennaio 2019 la copertura nevosa e i quantitativi di neve sono scesi significativamente sotto la media degli ultimi 16 anni», sottolinea il Centro funzionale.

 

Clara Rossi