Sciopero della sanità privata per il mancato rinnovo del contratto

Sindacati: riconoscere gli stessi diritti e la stessa dignità di chi lavora nel pubblico

 

sciopero sanità privata

AOSTA. Giorno di sciopero della sanità privata, oggi, come forma di protesta per il mancato rinnovo del contratto. La mobilitazione unitaria nazionale è stata organizzata anche in Valle d'Aosta con l'adesione dei sindacati della Funzione Pubblica Cgil, Cisl e Uil che hanno anche predisposto un punto informativo nel centro di Aosta.

Da parte delle organizzazioni sindacali arriva un "ringraziamento per i tanti che hanno aderito alla giornata di sciopero, in un momento così particolare e difficile. Nonostante i salari così bassi hanno rinunciato aduna giornata di lavoro con conseguente perdita della retribuzione". 

Il tema dello sciopero è collegato alla "mancata sottoscrizione definitiva da parte delle controparti, ovvero Aiop (Associazione Italiana Ospedalità Privata) e Aris (Associazione Religiosa Istituti Socio-Sanitari) del contratto di lavoro, dopo 3 anni di trattative e 14 anni di assenza di rinnovo contrattuale. Per i sindacati si tratta di un passo indietro, vile e vergognoso". Cgil, Cisl e Uil della Funzione Pubblica chiedono di riconoscere al personale della sanità privata i diritti economici e normativi e la "dignità di lavoratori al pari di chi opera nel settore pubblico".

 

 

redazione

 

 

Pin It
© 2020 Aostaoggi.it