.

Covid-19, + 5 positivi in Valle d'Aosta. Si va verso la zona bianca

Lavevaz: ripartire con coraggio e ottimismo, ma senza abbassare la guardia

 

Bollettino 25 giugno

In controtendenza rispetto all'andamento recente, oggi il numero di positivi al Covid-19 in Valle d'Aosta è in leggero aumento. Il bollettino di aggiornamento dell'emergenza n. 405 diffuso oggi dalla Regione (modificato nella grafica e nei contenuti) indica 5 nuovi casi positivi e 3 guariti e 103 casi testati in più rispetto al precedente bollettino.

I positivi attuali sono due in più rispetto a ieri, cioè 37. Un solo paziente è ricoverato all'ospedale Parini di Aosta.

I casi positivi totali dall'inizio dell'emergenza in Valle sono 11.683, i morti 473 e i guariti 11.173.

Con questi dati la Valle d'Aosta si prepara a passare finalmente da zona gialla a zona bianca a partire da lunedì 28 giugno, con una settimana di ritardo rispetto al resto d'Italia. L'ordinanza del ministro della Salute Roberto Speranza che ufficializzerà il passaggio di scenario è attesa nelle prossime ore.

Già da oggi per effetto dell'ultima ordinanza sull'emergenza sanitaria firmata dal presidente della Regione possono riaprire il Casinò di Saint-Vincent e le terme e anche piscine al chiuso, sale giochi e scommesse e centri sociali, culturali e ricreativi nel rispetto dei protocolli anti Covid-19 e delle linee guida contro la diffusione del contagio.

«Finalmente - commenta il presidente della Regione - anche la nostra regione potrà affrontare con più serenità la stagione turistica estiva, su cui ci sono molte attese da parte degli operatori economici e da parte di tutti i valdostani. È importante ripartire con coraggio e ottimismo, - dice - ma senza abbassare la guardia perché la guerra contro il Covid non è conclusa: in particolare, è fondamentale che l’adesione dei valdostani alla campagna di vaccinazione non rallenti, perché il vaccino è l’unico strumento che abbiamo per difenderci da questa pandemia».

 


Clara Rossi

 

 

Pin It

Articoli più letti su Aostaoggi.it

© 2020 Aostaoggi.it