.

Wrc, a Como Corrado Peloso e Vincenzo Massa si giocheranno il titolo italiano tra le R2

Dopo il rally di San Martino di Castrozza il laziale ha 2 punti di vantaggio sul valdostano

 

Massa Vincenzo / Daniel D'Alessandro (acisport.it)

A Como Corrado Peloso e Vincenzo Massa si giocheranno il titolo italiano Wrc tra le R2. Ad una prova dal termine guida il laziale con 2 punti sul valdostano.

Serviva l’azzardo per mettere la parola fine con una gara di anticipo al CiWrc tra le R2. Per questo Corrado Peloso, i tecnici della Gliese Engineering guidati da Giorgio Marazzato e il navigatore Paolo Carruccio avevano scelto di partire al San Martino di Castrozza, penultima prova del CiWrc, con un set up della 208 che potesse garantire loro un alto rendimento in caso di primo loop di tre prove umide. Le previsioni meteorologiche annunciavano sabato pioggia e pioggia, invece, non se n’è vista. Così, con una 208 che sull’asciutto non ne voleva sapere di stare in strada Corrado ha accumulato troppo gap dopo le prime tre speciali per pensare di poter cambiare qualcosa nel secondo loop: 24”8 dal leader di classe che valevano la 6a posizione in classifica. Massa non è che faceva molto meglio, davanti a Corrado di 2”7.

«Ci abbiamo provato ed è andata male - racconta Corrado -. A quel punto, considerando la posizione in classifica ho provato ancora a forzare sul secondo passaggio del Manghen (la prova simbolo del San Martino, ndr) e ho capito di essere competitivo finendo a 2” da Ancillotti (terzo uomo del campionato; terzo a 8 punti da Peloso, ndr). Ho ragionato da uomo campionato e ho tirato i remi in barca. Ci giocheremo tutto a Como: lì chi arriverà davanti all’altro vincerà il CiWrc. Adoro giocarmi gare e campionati sul filo del secondi e Como è una gara che mi piace molto».

La gara, tra le R2, è stata vinta da Gasperi (Fiesta) con 5”3 su Lorenzo Ancillotti, 23”7 su Massa, 24”6 su Lorenzato e 58”3 su Peloso.

Il Rally di Como è in programma il penultimo fine settimana di ottobre.

 

 

redazione

 

 

Pin It

Articoli più letti su Aostaoggi.it

© 2020 Aostaoggi.it