.

Moioli trionfa nello snowboard cross di Breuil-Cervinia

Dusek vince tra gli uomini, primo successo in carriera


Fis Snowboard cross (foto Gianluca Gobbi)­Non poteva esserci giornata migliore per Breuil-Cervinia e la Valle d’Aosta che sabato hanno ospitato per la quarta volta la Coppa del Mondo di snowboard cross. È forse stata l'edizione più bella, da quando la località valdostana accoglie il massimo circuito mondiale. Una giornata splendida che si è colorata d’azzurro con la prima vittoria stagionale - la terza su questa pista - per la campionessa olimpica Michela Moioli che ha dominato ogni run, fino al successo finale. Grande spettacolo sulla corta ma tecnica pista 26, apprezzata da tutti gli addetti ai lavori e dagli uomini della Fis.

Nella finalissima, la 25enne bergamasca del Centro Sportivo Esercito è stata protagonista di una gara tiratissima, che si è decisa solo al fotofinish. La tavola dell’azzurra è passata per prima, davanti a quella dell’americana Faye Gulini e dell’australiana Belle Brockhoff. Quarto posto per un’altra americana, Lindsey Jacobellis. Si era invece fermata ai quarti di finale l’avventura di Caterina Carpano e Francesca Gallina che hanno chiuso al dodicesimo e al quindicesimo posto. Quarti di finale costati cari anche a Charlotte Bankes (nona), la britannica che arrivava dalla vittoria di Montafon e dal terzo posto di Secret Garden.

Sul gradino più alto del podio della gara maschile c’è sempre l’Austria, ma questa volta è rappresentata da Jakob Dusek, alla prima vittoria in carriera dopo trenta pettorali in Coppa del Mondo.

Snowboard a Cervinia (foto Dario Belingheri / Pentaphoto)

Il leader della Coppa del Mondo Alessandro Haemmerle non è riuscito a sfatare il tabù neppure quest’anno: è uscito in semifinale dovendosi accontentare della quinta posizione, dopo la vittoria nelle prime due gare stagionali. Il migliore degli italiani è Tommaso Leoni (nono), poi tredicesimo Lorenzo Sommariva, quindicesimo Michele Godino, sedicesimo Filippo Ferrari e diciottesimo Matteo Menconi.

Michela Moioli: «Ci voleva questa vittoria, un po’ per sbloccarmi, un po’ per rifarmi dalla scorsa tappa a Montafon. È un periodo che vado molto forte, ma a volte non riesco a esprimermi al cento per cento. Qui a Breuil-Cervinia finalmente ci sono riuscita, per me è una grande soddisfazione, intorno a me ho delle persone fantastiche che fanno un lavoro eccezionale: questa vittoria è dedicata a loro e ai miei parenti che erano a fare il tifo. Io sono sempre felice e gasata quando a bordo pista c’è la mia famiglia. Sofia Goggia chiama (ha vinto in Val d’Isère, ndr) e Michela Moioli risponde: lei sta facendo una stagione eccezionale, sono due sport molto diversi. Lei fa il suo e lo fa gran bene, io faccio il mio».

Cesare Pisoni, direttore tecnico squadra italiana: «Michela ha dominato questa gara, ha costruito il successo con grande determinazione e professionalità. Abbiamo dimostrato ancora una volta che le piste di Breuil-Cervinia sono casa nostra. Un successo importantissimo, ai Giochi Olimpici di Pechino mancano ormai meno di 50 giorni. La forma deve crescere giorno dopo giorno».

 

 

redazione

 

 

Pin It

Articoli più letti su Aostaoggi.it

© 2021 Aostaoggi.it