Shiloh avvia la procedura per 70 licenziamenti a Verrès

ShilohVERRES. La Shiloh Industries Italia ha avvito la procedura di licenziamento di una parte dei lavoratori dello stabilimento di Verrès. Il taglio del personale è causato dalle difficoltà registrate da alcuni mesi.

Quello della bassa Valle è l'unico stabilimento in Italia del gruppo statunitense che si occupa di componenti leggeri per auto. A Verrès lavorano 164 dipendenti e i licenziamenti previsti sono 70.

Da tempo il gruppo Shiloh sta riscontrando difficoltà e nel mese di gennaio aveva avviato la cassa integrazione. Negli ultimi mesi gli ordinativi sono crollati a causa della situazione difficile dell'intero settore. 

«La situazione è grave perché è legata alla crisi dell'auto», commenta Edy Paganin, segretario del Savt industrie. «Ora inizieremo un confronto a partire dai dati di fatturato, di calo produttivo, per capire cosa riusciamo a fare per la salvaguardia dei posti di lavoro».

Fabrizio Graziola, segretario Fiom-Cgil, conferma l'intenzione di «trovare una soluzione alternativa, un altro tipo di ammortizzatore sociale al posto dei licenziamenti collettivi. Vedremo che cosa dice l'azienda».

 

 

 

Clara Rossi