Accordo tra Cva e Snam per l'idrogeno e la transizione energetica in Valle d'Aosta

Tra i progetti anche lo sviluppo della mobilità a idrogeno su ferro e gomma


CVAAOSTA. Compagnia Valdostana Acque e Snam hanno raggiunto un accordo per collaborare su iniziative nell'idrogeno verde e per progetti che favoriscano la transizione energetica in Valle d'Aosta. L'intesa è stata firmata dall'Amministratore Delegato di Snam Marco Alverà e da Enrico De Girolamo, Ceo di Cva.

"La collaborazione - spiegano Snam e Cva - consentirà alle due aziende di integrare le rispettive competenze per individuare iniziative volte ad agevolare la decarbonizzazione dell'industria e dei trasporti, tramite l’impiego dell’idrogeno verde, e in generale dell’intero settore energetico sul territorio regionale". Più nel dettaglio "Snam e Cva studieranno progetti per dare impulso alla mobilità a idrogeno su ferro e su gomma, anche attraverso la realizzazione delle relative infrastrutture (quali ad esempio stazioni di rifornimento, compressori, elettrolizzatori) e potranno sperimentare soluzioni tecnologiche innovative legate alla produzione, al trasporto, alla compressione e allo stoccaggio dell'idrogeno, anche partecipando a iniziative di finanziamento o a gare d'appalto pubbliche".

Enrico De Girolamo, Amministratore Delegato di CVA, spiega: "La strategia sull'idrogeno rinnovabile, recentemente rafforzata dagli indirizzi della Commissione Europea, è all'avanguardia per un futuro di neutralità climatica. L'impegno assunto oggi da CVA è quello di mettere a disposizione il suo knowhow rinnovabile per lavorare allo sviluppo di tecnologie innovative, la cui disponibilità potrà offrire contributi preziosi alla roadmap di decarbonizzazione italiana, e favorire l'obiettivo regionale di una Valle d'Aosta fossil fuel free. È con grande interesse che avviamo oggi questa partnership per la costruzione di un futuro sostenibile".

L'Amministratore Delegato di Snam, Marco Alverà, aggiunge: "Questa collaborazione rafforza il nostro impegno per la decarbonizzazione dei territori, facendo leva su soluzioni tecnologiche innovative e promuovendo lo sviluppo della filiera dell’idrogeno e delle sue applicazioni. L'idrogeno verde ha un grande potenziale di sviluppo in Italia e può avere un ruolo decisivo per abbattere le emissioni soprattutto nell'industria e nel trasporto pesante. Si tratta di un'occasione da non perdere per contribuire al raggiungimento degli obiettivi climatici e offrire al Paese e ai suoi territori un'occasione di sviluppo economico e leadership industriale".

 

redazione

 

 

Pin It
© 2020 Aostaoggi.it