Co.Re.Com., scontro in Consiglio regionale sull'indipendenza politica dei candidati

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Stefano FerreroAOSTA. Una discussione tra Stefano Ferrero (Mouv') e la presidente Emily Rini ha animato ieri il voto del Consiglio regionale sul rinnovo del Comitato Regionale per le Comunicazioni, il Co.Re.Com della Valle d'Aosta.

Quest'anno, per la prima volta, il Consiglio regionale ha organizzato una sorta di avviso per invitare gli interessati a trasmettere la propria candidatura. L'argomento della discussione tra il consigliere di Mouv' e la presidente è stata proprio la candidatura di alcuni giornalisti che figuravano anche tra i candidati alle ultime elezioni regionali.

«Per due persone è stata sollevata una barriera - ha affermato Stefano Ferrero -. La legge del Co.Re.Com. elenca nel dettaglio quali sono le incompatibilità, ora invece si tira in ballo un articolo in cui genericamente si parla di indipendenza politica. E per i precedenti componenti del Corecom? Anche per loro si parlava di nomine in quota di questo o quel partito».

«È stato chiesto alla presidenza - ha risposto Emily Rini - se fosse opportuno che una persona candidata alle ultime elezioni regionali ricopra un incarico così delicato e la presidenza ha detto che non lo ritiene opportuno. La legge regionale n. 26 del 2001 dice che "i cinque componenti sono scelti tra persone che diano garanzia di assoluta indipendenza dal sistema politico e dal settore delle comunicazioni". Per questo abbiamo ritenuto inopportuno certe candidature. Nessuno ha fatto opera di censura o ha detto che sono incompatibili».

Stefano Ferrero ha scelto un gioco di parole per replicare: «È stato inopportuno citare l'opportunità di presentare persone candidate, come se si portassero dietro un certo peso che ne comprometterebbe le capacità».

Dopo alcune votazioni andate a vuoto, l'aula ha poi alla fine scelto i cinque nuovi componenti del Comitato. Il giornalista pubblicista Pier Paolo Civelli, proposto dalla maggioranza, è stato eletto alla terza votazione con 20 voti a favore. Gli altri componenti sono Federico Molino, esperto senior nell'ambito del terziario (24 voti), Daniele Genco, giornalista pubblicista (22 voti), Claudio Dalle, avvocato (18 voti), Beatrice Mosca, giornalista professionista (15 voti).

 

C.R.