Intossicazione da funghi: come riconoscerla e cosa fare

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

funghiAOSTA. Ogni anno, nella stagione autunnale, numerose sono le persone che accedono al pronto soccorso per intossicazione da funghi. La causa è il consumo di funghi tossici non sottoposti ai controlli dei micologi messi a disposizione gratuitamente dalle varie aziende sanitarie pubbliche.

A cosa è legata la tossicità dei funghi?
I funghi contengono tossine, sostanze velenose capaci di provocare danni all'organismo anche in piccole quantità. Queste sostanze sono specifiche per ogni fungo e provocano sintomi e danni diversi. La loro tossicità non è annullata da alcun trattamento prima del loro consumo, come per esempio la cottura, perché le tossine sono termostabili, quindi resistono alle alte temperatura. Non esistono sistemi empirici per determinare la pericolosità di un fungo, quali il cucchiaino d'argento, l'aglio, ecc. L'unico sistema per non avvelenarsi è saper identificare perfettamente i funghi commestibili.
Oltre alle tossine, i funghi sono veicoli d'infezioni batteriche e altri patogeni contenuti nel loro interno.

Quali sono i funghi tossici per l'uomo?
Tutti i funghi sono potenzialmente velenosi, anche quelli commestibili se consumati in grandi quantità e crudi, tuttavia alcune specie sono tossiche anche se ingerite in piccole quantità. Sono considerati tossici e velenosi quei funghi che, anche dopo prolungata cottura, provocano effetti tossici di varie entità. L'intossicazione più frequente deriva principalmente dal consumo di alcune specie come: Amanita Phalloides, Cortinarius Orellanus, Amanita Ovoidea, Clitocybe, Psilocybe.

funghiCome riconoscere un'intossicazione da funghi?
I sintomi da intossicazione si possono manifestare in tempi diversi e avere durata differente a secondo il tipo di fungo consumato. Riguardo al tempo intercorso tra l'ingestione di funghi tossici e la comparsa di sintomi, si distinguono sindromi a breve latenza e sindromi a lunga latenza.
- Le sindromi da breve latenza si manifestano da trenta minuti a 3-4 ore dall'ingestione dei funghi e si risolvono in circa ventiquattro. Sono sintomi passeggeri che regrediscono spontaneamente senza grosse complicanze e non mettono a rischio la vita. Si possono manifestare con sintomi gastrointestinali, vomito, nausea, diarrea, dolori addominali, disidratazione, sonnolenza, agitazione, disorientamento, convulsioni, allucinazioni sudorazione, calo della pressione arteriosa, difficoltà respiratorie, insufficienza renale transitoria ed anemia. In genere non è necessaria l'ospedalizzazione tranne che nei casi in cui si verifica un'eccessiva perdita di liquidi che potrebbe provocare un collasso cardiocircolatorio, soprattutto nei soggetti con patologie croniche.
- Le sindromi a lunga latenza si manifestano dopo almeno sei ore e fino a oltre 24-32 ore dall'ingestione dei funghi. Sono le più pericolose perché l'insorgenza ritardata della sintomatologia posticipa l'intervento medico che spesso arriva quando le tossine hanno causato già danni gravi e irreversibili. Un intervento precoce e tempestivo, basato sull'esecuzione di lavanda gastrica e infusione di liquidi, allontana le tossine e ne riduce la tossicità. I sintomi sono diversi: episodi ripetuti di vomito e diarrea, successivamente danni agli organi ed al fegato, fino all'insufficienza epatica acuta, insufficienza renale con necessità d trapianto e dialisi; danni al sistema nervoso con disturbi neuropsichici, agitazione psicomotoria, delirio e convulsioni; danni muscolari e cardiaci. Il rischio di morte è elevato.
Accanto a questi sintomi si possono manifestare episodi di falsi avvelenamenti e cioè disturbi, dopo l'ingestione di funghi, dovuti ad intolleranza agli stessi. La causa è dovuta alla mancanza di un enzima: il trialase. Questo determina l'impossibilità di scindere il trealosio, un disaccaride di cui sono ricchi i funghi, anche i porcini. Ciò provoca fermentazione, dolori addominali e diarrea, tutti sintomi di non grave entità da non confondere con i più gravi effetti gastroenterici provocati da vere intossicazioni.
I funghi sono alimenti di difficile digestione, per cui se consumati in abbondanza possono provocare indigestioni.

funghiIn caso di sospetta d'intossicazione da funghi cosa fare?
- Recarsi la prima possibile in Pronto Soccorso , non appena compaiono i sintomi (il ritardo del trattamento aumenta il rischio di complicanze);
- Portare con sé tutti gli avanzi di funghi (cotti, crudi, resti di pulizia), possono essere utilizzati per il riconoscimento della specie;
- Se altre persone hanno consumato gli stessi funghi, contattarle immediatamente e inviarli in Pronto soccorso.

Come prevenire l'intossicazione da funghi?
- Non consumare funghi se non controllati da un esperto micologo dell'ASL;
- Diffidare degli "esperti improvvisati";
- Non somministrare funghi ai bambini e alle donne in gravidanza;
- Consumare quantità moderate di funghi;
- Non consumare funghi con sapore sgradevole;
- Non consumare funghi raccolti lungo le strade o vicino a centri industriali (assorbono sostanze tossiche);
- Non regalare i funghi raccolti se non controllati;
- Evitare di assumere alcolici dopo ingestione di funghi;
- Quando si consumano funghi acquistati nel supermercato, accertarsi della presenza dell'etichetta che garantisce il controllo dell'esperto.

 

 

 

 

dott. Franco Brinato
specialista in Medicina d'Emergenza Urgenza e Medicina Termale e dirigente medico di Medicina d'Urgenza e Pronto Soccorso