Oggi è il

Sanità in Valle d'Aosta: la proposta (dimenticata) di abolire l'esame del francese

  • Pubblicato: Martedì, 12 Dicembre 2017 18:27
0
0
0
s2smodern

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Oggi i medici scioperano denunciando carenza di personale. Un anno fa l'annuncio di Laurent Viérin - VIDEO

vierin-laurentLa politica valdostana è una fonte inesauribile di aneddoti e curiosità. Riproponiamo, a distanza di sedici mesi, una video intervista all'allora assessore regionale alla Sanità Laurent Viérin che successivamente, nell'arco di altri due governi, è stato assessore all'Agricoltura ed è oggi presidente della Regione.

In questa video intervista (al minuto 9 e 45'' circa) Viérin annunciò in esclusiva una proposta rivoluzionaria: discutere della possibilità di togliere la conoscenza della lingua francese dai requisiti indispensabili per i medici che vogliono essere assunti nella sanità valdostana. E' passato quasi un anno e mezzo e da allora di questa proposta non si è più saputo nulla.

Oggi i medici della Valle d'Aosta hanno aderito allo sciopero nazionale della sanità per promuovere alcune rivendicazioni che vanno a toccare anche la carenza di organico e le ricadute sull'efficienza dei servizi forniti agli utenti. Eliminare l'obbligo della conoscenza del francese potrebbe dare una parziale ma importante risposta a questa mancanza di personale segnalata dalle organizzazioni sindacali.

La fine che ha fatto quella idea promossa dall'allora assessore regionale alla Sanità, che divenne poi assessore all'Agricoltura e che oggi ricopre la carica più importante della nostra regione, fa pensare ancora una volta che forse l'attuale classe politica è troppo occupata a legiferare su argomenti di suo stretto interesse per poter gettare uno sguardo oltre i muri di Palazzo regionale.

 

Marco Camilli

Altre news su sanità e ambiente

Pubblicità
AostaOggi.IT è un prodotto della testata giornalistica WEBITALYNEWS
Direttore responsabile Luigi Palamara
Direttore editoriale Marco Camilli
Registrazione Tribunale di Aosta N° 01/05 del 21 Gennaio 2005
P.IVA 01000080075