Donnas, tre giorni di festa anticipano la 1020a Fiera di Legno di Sant'Orso

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 
Pin It



Fiera di Sant'Orso

DONNAS. Tra novità e tradizioni confermate negli anni, il borgo di Donnas si prepara ad ospitare centinaia di artigiani per la 1020a edizione della Fiera del Legno di Sant'Orso. 

L'appuntamento è come sempre a metà gennaio. Il Comitato Fiera insieme alla Pro Loco e ai partner istituzionali hanno programmato quattro giorni di eventi che cominciano con "Aspettando la Fiera", un concerto nella cappella di Sant'Orso con il Coro Viva Voce di Donnas il 16 gennaio alle ore 21. Venerdì dalle ore 20 l'immancabile rendez-vous con la grande veillà alla quale aderiscono quest'anno 22 cantine del borgo e gli amici pescaresi del comune gemellato di Pianella con i tipici arrosticini. Ci sarà spazio anche per i più giovani grazie alla Veillà dei piccoli a Palazzo Enrielli, dalle ore 20, con uno spettacolo di burattini.

Si arriva così a sabato 18 gennaio con la tradizionale fiaccolata nel borgo alle ore 19.30 e la Santa messa e alla giornata clou di domenica 19 gennaio, quella della vera e propria Fiera di Sant'Orso. Quest'anno sono attesi 410 espositori e 13 scuole di artigianato che saranno presenti per tutto il giorno nelle vie del paese esponendo opere e manufatti frutto della creatività e del talento.

Tra le novità di quest'anno c'è la possibilità di assistere alla lavorazione dal vivo del legno da parte degli artisti. Otto laboratori di artigianato saranno allestiti appositamente lungo il percorso fieristico per dare la possibilità ai visitatori di vedere con i propri occhi le opere che prendono forma grazie alla maestria degli artigiani. Ci saranno inoltre otto mobilifici valdostani che allestiranno per l'occasione una esposizione interamente dedicata ai mobili che durerà tre giorni.

Tra le altre manifestazioni da citare c'è la mostra fotografica Artigianato Vs Etnografia al Museo della vite e del vino e la mostra etnografica "Tot henque i et da savé si LOU FORDZÉRÓN" dedicata al lavoro del fabbro e allestita nella sede della biblioteca comunale. Ci saranno anche dei laboratori per i bambini (in biblioteca per l'ideazione di un libro e al Museo della vite e del vino per imparare a costruire un ciondolo artigianale). Saranno aperti anche il Museo stesso, gestito dall'associazione I Monelli dell'Arte, e il museo della latteria di Treby e della Confrerie du Saint-Esprit.

Infine, in collaborazione con la Coldiretti, sarà presente il mercatino Lo Tzaven di Campagna Amica.

 

 

 

Clara Rossi

 

 

 

 

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
AostaOggi.IT è un prodotto della testata giornalistica WEBITALYNEWS
Direttore responsabile Jr. Ennio Pedrini /  Direttore editoriale Marco Camilli  /  Registrazione Tribunale di Aosta N° 01/05 del 21 Gennaio 2005  /  P.IVA 01000080075
© 2020 Aostaoggi.it