.

Ricorso in Tribunale di Legambiente contro la centralina del Cortlys

L'associazione: dal governo regionale inspiegabile chiusura al confronto

 

La battaglia legale tra Regione e Legambiente sulla discussa centralina del Cortlys si riaccende. Dopo un lungo periodo di stallo, un provvedimento degli uffici regionali approvato questa estate che cambia la società titolare della concessione ha innescato un ricorso al Tribunale Superiore delle Acque contro il progetto quasi ventennale ritenuto dannoso per l'ambiente. Il progetto della centralina nel comune di Gressoney-La-Trinité «andrebbe a stravolgere e a sottrarre le acque del torrente Lys alle sue origini, nell’anfiteatro morenico del Monte Rosa», afferma l'associazione.

L'azione giudiziaria è «l'unica possibilità per difendere il sito». Legambiente accusa infatti il governo regionale in carica di aver «ignorato le ripetute richieste» di confronto con la società civile, arrivate anche dal Comitato per la Salvaguardia e Tutela di Cortlys.

Per il circolo valdostano questa chiusura al confronto «sorprendente, inspiegabile e senza precedenti» si colloca «in un quadro generale di disinteresse per tutto quanto riguarda la gestione delle acque regionali, o meglio di interesse per la produzione idroelettrica, a prescindere dall'irrisorio beneficio in termini di produzione di energia rispetto al danno ambientale». 

Sull'argomento il circolo valdostano di Legambiente organizzerà un convegno il 4 dicembre ad Aosta il cui programma è in fase di definizione.

 

 

C.R.

 

 

Pin It

Articoli più letti su Aostaoggi.it

© 2020 Aostaoggi.it