Oggi è il

Bando anziani Aosta, Lega Nord: sindaco Centoz deve dimettersi

  • Pubblicato: Lunedì, 03 Ottobre 2016 15:08
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 
Pin It

 

Quattro assessori UV per il ritiro del bando. Spelgatti e Manfrin: "seconda batosta settimanale per il sindaco"

AOSTA. Il bando per i servizi agli anziani del Comune di Aosta "deve essere ritirato" ed il sindaco Fulvio Centoz "deve dimettersi". Lo afferma la Lega Nord VdA commentando la notizia secondo cui quattro assessori della giunta cittadina, tutti dell'Union Valdôtaine, si sarebbero schierati contro il bando dell'Amministrazione che tante polemiche sta scatenando in queste settimane.

"A due settimane dal Consiglio comunale che ha visto bocciare la nostra mozione - dicono i consiglieri comunali Nicoletta Spelgatti ed Andrea Manfrin - in cui chiedevamo il ritiro di un bando pessimo, che licenzia 60 persone, che vieta alle aziende valdostane di partecipare e che peggiora i servizi, un cambiamento radicale di posizione risulta positivo, ma sostanzialmente incomprensibile se fatto da chi, come Sorbara, aveva difeso a spada tratta il suddetto bando, ottenendo copiosi omaggi floreali in cambio".

Secondo i due consiglieri comunali di minoranza con la presa di posizione degli assessori Uv, che avrebbero chiesto un parere legale sulla possibilità di ritirare il bando, viene riconosciuto che il bando è "scritto con i piedi, foriero di ricorsi e di effetti negativi sia in termini occupazionali, sia in termini di peggioramento del servizio". Inoltre, aggiugnono Manfrin e Spelgatti, "Centoz prende in saccoccia la seconda batosta settimanale: la prima aveva avuto luogo con la riunione del gruppo unionista nell'ufficio di Rollandin, ed aveva decretato la permanenza di Caminiti nella maggioranza, contrariamente a quanto dichiarato dall'evanscente sindaco aostano".

 

E.G.

 

Altre news dai Comuni

Pubblicità
Pubblicità
AostaOggi.IT è un prodotto della testata giornalistica WEBITALYNEWS
Direttore responsabile Jr. Ennio Pedrini
Direttore editoriale Marco Camilli
Registrazione Tribunale di Aosta N° 01/05 del 21 Gennaio 2005
P.IVA 01000080075