.

Tor des Géants, un cairn per ricordare Yang Yuan

AOSTA. Il Tor des Géants ricorda Yang Yuan, il corridore cinese deceduto lo scorso anno durante il primo giorno di gara a causa di una caduta durante la discesa verso il Lac du Fond.

Come annunciato nei giorni successivi alla morte del 43enne sul luogo dell'incidente, sotto il Col de la Crosatie in Valgrisenche, è stato eretto in sua memoria un cairn, un "ometto della montagna". Per realizzare l'opera l'Amministrazione regionale e l'associazione VdA Trailers hanno dovuto ottenere le autorizzazioni dal Comune di Avise e dalla Soprintendenza per i beni culturali.

Il cairn, realizzato con il contributo della Sideuro Srl, riporta sui quattro lati lo scritto (in cinese, italiano, francese e inglese) che Yang Yuan fece pervenire qualche giorno prima dell'inizio del Tor agli organizzatori:

"Continuiamo a sognare, giorno dopo giorno attendiamo, pieni di aspettative.
Insieme ad amici di tutto il mondo ci incontriamo nelle Alpi portando benedizioni che arrivano da lontano.
La Grande Muraglia saluta le Alpi, la Cina e il mondo si danno la mano.
Andremo avanti correndo giorno e notte, respirando profondamente il profumo della natura, inebriati dallo scenario spettacolare lungo il cammino.
Tranquilli, senza il rumore di auto e treni, corriamo lontano verso il cielo.
Inseguiamo il sole, e accompagnando la luna attraversiamo il vento e la pioggia, guardiamo il luccichio delle migliaia di case a valle.
Corriamo lontano, cantiamo lungo tutto il cammino. Più forti nel corpo e più purificati nello spirito.
L’amore per la natura ci fa amare la vita e così continuiamo ad avanzare senza fermarci  con il doppio del coraggio e della fiducia.
Faremo un viaggio fantastico sudando e perseverando con tutti i nostri amici.
La felicità e la libertà vivranno sempre nei nostri cuori"

 

 

E.G.

Pin It

Articoli più letti su Aostaoggi.it

© 2021 Aostaoggi.it