.

Valle d'Aosta, un 1° Maggio 'senza festa, ma colmo di valori'

A Verrès i sindacati poseranno una corona di fiori anche per chi continua a laovrare nonostante i rischi di contagio da Covid-19

 

lavoroVERRES. Venerdì 1° Maggio è la Festa dei lavoratori. Sarà anche questa una ricorrenza da celebrare senza sfarzi né grandi cerimonie a causa dell'emergenza sanitaria. 

"Sarà un 1° Maggio senza festa, ma colmo di valori", evidenziano i segretari regionali Vilma Gaillard di Cgil, Jean Dondeynaz di Cisl, Ramira Bizzotto di Uil e Claudio Albertinelli di Savt. Sarà anche una giornata "a sostegno di tutti i lavoratori, donne e uomini, che con senso del dovere e di abnegazione, pur vivendo concreti rischi collegati all’esposizione e alla positività dal Covid-19, hanno continuato a lavorare, affrontando difficoltà immense per la mancanza di dispositivi di protezione individuale adeguati, di piani di prevenzione, di procedure di sicurezza idonee".

"Il primo dei valori del lavoro, nonché la condizione imprescindibile per cui esso possa dispiegare appieno le sue potenzialità, è la salute e la sicurezza, e quindi la prevenzione, come diritto di tutte e di tutti", aggiungono i quattro segretari.

In Valle d'Aosta l'abituale appuntamento con i sindacati a Verrès è confermato, ma sarà chiaramente molto diverso dal solito. Nessuna festa, solo la deposizione di una corona in ricordo dei morti sul lavoro. Una occasione dunque "ancora più carica di messaggi, con la speranza di vedere veramente ripartire la nostra Valle d'Aosta, lasciandoci alle spalle le difficoltà e tutto ciò che finora ci ha lasciato l’amaro in bocca. Ci auguriamo una ripartenza, concreta e strategica, in tutti i settori, ma in sicurezza".

 

Clara Rossi

 

 

Pin It

Articoli più letti su Aostaoggi.it

© 2020 Aostaoggi.it