Ricercato per tentato omicidio di gendarme, arrestato al Monte Bianco

 

Viaggiava su un camper con altre cinque persone. In manette anche due ragazze

AOSTA. Tre persone, tra cui una minorenne, sono state arrestate nella notte tra mercoledì 10 e giovedì 11 febbraio dalla polizia al Traforo del Monte Bianco. I tre erano a bordo di un camper diretto in Francia insieme ad altri tre viaggiatori, tra cui il conducente italiano. In manette sono finiti P.E. di 20 anni, J.S. di 23 anni e M.C., 15 anni.

Il ventenne, trovato in possesso di un certificato di nascita croato contraffatto, è stato identificato grazie alle impronte digitali che corrispondevano ad un alias sul quale pendeva un mandato di arresto europeo, emesso dalla Francia, per il tentato omicidio di un gendarme durante il tentativo di eludere un posto di controllo nell'agosto 2014. Il ragazzo è anche sospettato di aver partecipato a diverse rapine e tentativi di rapine con una banda specializzata nei furti in abitazione in tutta Europa. Arrestato, è stato portato in carcere a Brissogne.

La 23enne, cittadina italiana, è stata anche lei identificata dalle impronte digitali. Gli agenti hanno scoperto così che nei suoi confronti era stato emesso un ordine di carcerazione dalla Procura della Repubblica per i minorenni di Firenze, risalente al 2011, per furti in concorso.

Infine nei confronti della minorenne è emerso ordine di esecuzione di custodia in carcere emesso lo scorso anno dal Tribunale per i minorenni di Genova: la ragazza si era allontanata dalla comunità a cui era stata affidata poiché indagata per furto aggravato.

La 15enne e la 23enne sono state condotte presso l’Istituto Penale per Minorenni di Pontremoli.

 

M.C.

Pin It
© 2020 Aostaoggi.it