Laurent Viérin (Uvp): "non siamo in vendita"

L'esponente dell'Uvp in merito al dialogo con la maggioranza respinge i "baratti di poltrone"

not-forsaleAOSTA. "Non siamo in vendita". Laurent Viérin, consigliere regionale tra i fondatori dell'Uvp, sceglie questo titolo per spiegare, in una riflessione pubblicata sul sito del movimento, il momento vissuto dalla politica valdostana e i tentativi di dialogo con la maggioranza.

"Non ci prestiamo e non ci presteremo" al "baratto di poltrone", afferma Viérin. "Qualcuno - aggiunge - ha purtroppo confuso la disponibilità a trovare delle convergenze su alcuni temi, con l'unico obiettivo di risolvere i problemi dei valdostani (cantieri forestali, piano di rilancio delle imprese, leggi elettorali comunali, società partecipate) dall'opposizione, con il fare da stampella ad una maggioranza senza numeri, che pretende, oggi, di essere sostenuta, in cambio della Presidenza del Consiglio".

"A questa logica, e alla politica del baratto, rispondiamo chiaramente, a chi non l'avesse ancora capito, che non siamo in vendita: non sono in vendita le nostre idee. Non è in vendita la nostra voglia di cambiamento. E non è sopratutto in vendita il progetto dell'UVP, fatto per cambiare certi metodi, certi sistemi e per portare un nuovo modo di fare politica, in un percorso chiaro e coerente", conclude l'esponente dell'Uvp.

 

redazione

Pin It
© 2020 Aostaoggi.it