.

Casinò, ok del Consiglio regionale al piano di ristrutturazione aziendale

 

Sì unanime alla legge n° 100: piano di rilancio entro due mesi, finanziamenti pubblici a rate e possibile affidamento a terzi della gestione

AOSTA. La proposta di legge n° 100 sulle "Disposizioni urgenti per il risanamento finanziario della Casinò de la Vallée spa" è stato approvato ieri all'unanimità dal Consiglio regionale della Valle d'Aosta.

Nei suoi cinque articoli, preparati dalla Commissione consiliare Affari generali, il testo dispone che l'organo di amministrazione della Casinò Spa predisponga, entro 60 giorni dalla data di entrata in vigore della legge, "un piano di ristrutturazione aziendale, finalizzato alla valorizzazione degli investimenti e alla riduzione dei costi che assicuri, nel rispetto delle disposizioni di legge, il raggiungimento dell'equilibrio economico-finanziario, anche funzionale all'affidamento a terzi della gestione del complesso aziendale".

Al piano di ristrutturazione aziendale dovrà essere affiancata "un'analisi della situazione patrimoniale, finanziaria ed economica della Casino de la Vallée S.p.A. ed una dettagliata analisi delle politiche di gestione e degli investimenti avviati dalla data di entrata in vigore della legge regionale 23 dicembre 2009, n. 49" che definiva le linee-guida per l'ottimizzazione ed il rilancio delle strategie di sviluppo della Casa da gioco e del Grand Hôtel Billia.

Il piano di ristrutturazione dovrà essere trasmesso al governo regionale e approvato dal Consiglio Valle e trimestralmente la Casinò Spa dovrà trasmettere all'assemblea regionale una relazione sullo stato avanzamento degli interventi.

Per quanto riguarda la concessione di altri finanziamenti pubblici, la legge conferma che "la Regione potrà sostenere finanziariamente la Casino de la Vallée S.p.A., anche in compartecipazione con terzi soggetti" ma precisa che "l'eventuale sostegno finanziario" potrà essere disposto "successivamente all'approvazione del piano di ristrutturazione aziendale da parte del Consiglio regionale, che, in relazione alle risultanze del piano medesimo, potrà anche disporne la rateizzazione su più annualità".

Infine è prevista la possibilità di nominare un "collegio di saggi, composto da tre esperti indipendenti di provata esperienza in materia di contabilità e ristrutturazioni aziendali, garantendo la rappresentanza delle minoranze". Il collegio riferirà "con cadenza almeno semestrale" al Consiglio Valle sullo stato di attuazione del piano di ristrutturazione aziendale.

 

Elena Giovinazzo

 

Pin It

Articoli più letti su Aostaoggi.it

© 2021 Aostaoggi.it