.

Rifiuti, la Valle d'Aosta al di sotto dell'obiettivo 65% di differenziata

Rapporto Ispra: la Valle è l'unica regione a non aver ridotto la produzioni nel 2020

 

Raccolta rifiuti

La Valle d'Aosta è tra le regioni che producono più rifiuti pro-capite e, in base ai dati riferiti al 2020, è l'unica a mantenere stabile la produzione. Lo rivela il rapporto annuale dell'Ispra sui rifiuti urbani dedicato all'anno del Covid.

Otto regioni, tra cui anche la nostra, superano la media nazionale di 488 chilogrammi di rifiuti prodotti all'anno da ogni cittadino. Sempre riguardo al 2020 la produzione è calata rispetto all'anno precedenza in tutta Italia con punte di -6,7% in Calabria e -6,3% in Trentino Alto Adige. Fa eccezione soltanto la Valle d'Aosta, unica regione italiana a confermare i livelli di produzione del 2019.

Il rapporto dell'Ispra evidenzia allo stesso tempo un incremento delle percentuali di raccolta differenziata. Nove regioni hanno raggiunto e superato l'obiettivo del 65% fissato dalla normativa per il 2012 e la Valle d'Aosta non è tra queste. Il traguardo comunque non è molto lontano: la differenziata nel 2020 risulta infatti al 64,5%.

 

 

E.G.

 

 

Pin It

Articoli più letti su Aostaoggi.it

© 2021 Aostaoggi.it