Il Parco Gran Paradiso premiato con la Carta Europea del Turismo Sostenibile

Il riconoscimento internazionale certifica la pianificazione partecipata della gestione del turismo sostenibile nell'area protetta

 

Parco nazionale Gran Paradiso

Alla già lunga lista di riconoscimenti assegnati dal Parco Nazionale Gran Paradiso se ne aggiunge uno nuovo. L'area protetta tra Valle d'Aosta e Piemonte nata cento anni fa ha ottenuto la CETS - Carta Europea del Turismo Sostenibile, una certificazione internazionale che l'Europarc Federation assegna alle aree protette per aver pianificato insieme al territorio la gestione del turismo sostenibile.

La premiazione è in calendario al Parlamento Europeo di Bruxelles il 2 dicembre, vigilia della celebrazione conclusiva per i 100 anni del Parco.

L'Ente Parco spiega: «Si tratta di una prima fase di un percorso volontario che il Parco ha intrapreso nel 2021 e prevede l'attuazione del Piano di azioni nei successivi 5 anni dalla consegna del dossier, a cui seguono ulteriori fasi progettuali. Nel suo complesso rappresenta un processo strategico, che prevede un'organizzazione partecipata e sostenibile - in termini di conservazione della natura e socio-economica - delle attività turistiche nell'area protetta».

IIl Parco Nazionale Gran Paradiso ha avviato la programmazione da esperienze come il Marchio di Qualità e il progetto "A piedi fra le nuvole". Il percorso di candidatura è stato finanziato nell'ambito dei fondi europei dell'Interreg Alcotra Biodiv'ALP - progetto ProBioDiv, sulla promozione della biodiversità come fattore di sviluppo sostenibile dei territori.

«Dopo il rinnovo al PNGP della Green List delle aree protette - aggiunge l'Ente -, questa certificazione rappresenta una conferma del ruolo che il Parco sta svolgendo nell’ambito del turismo sostenibile a livello nazionale e internazionale, convalidando il lavoro sin qui svolto dall’ente».

 

 

E.G.

 

 

Pin It

Articoli più letti su Aostaoggi.it

© 2022 Aostaoggi.it