Aosta, in arrivo 2.400 test rapidi Covid per strutture anziani

Il capoluogo pensa inoltre di estendere i test anche agli asili nido

 

AOSTA. Il Comune di Aosta doterà le strutture comunali per anziani residenziali e semiresidenziali di test rapidi Covid-19 per utenti e personale in servizio in modo da non appesantire ulteriormente le strutture sanitarie che si occupano di questa attività.

L'Amministrazione comunale si è già attivata sul mercato elettronico per una fornitura di 2.400 test rapidi che permetteranno anche "una gestione più funzionale e meno congestionata delle strutture, procedendo, laddove necessario, ad isolamenti mirati degli ospiti".

"Si tratta - commenta l'assessora comunale alle Politiche sociali, Clotilde Forcellati - di un provvedimento frutto di una scelta condivisa che questa Amministrazione ha ritenuto prioritaria per assicurare una tempestiva presa in carico di eventuali malesseri all’interno delle strutture, considerato che le persone anziane sono quelle più a rischio di sviluppare la malattia in forma perniciosa. Al tempo stesso - aggiunge -, la volontà è di non limitare lo screening ai centri residenziali e semi residenziali, ma di estendere la dotazione di test rapidi anche alle strutture 0-3 anni come gli asili-nido, limitando, però, l’esecuzione dei controlli, invasivi per minori così piccoli, agli operatori che devono, al tempo stesso, garantire le famiglie ed essere garantiti come lavoratori di un settore nevralgico per la tenuta dei servizi alla prima infanzia".

 

 

redazione

 

 

Pin It
© 2020 Aostaoggi.it