.

Centri estivi 2022, il Comune di Aosta integra la delibera per i bambini con disabilità

Previsto l'uso di fondi a bilancio «a copertura dei costi per assistenza disabili con rapporto 1:1»

 

Municipio di Aosta

In questo articolo riportiamo in sintesi una delibera approvata ieri dalla Giunta comunale di Aosta a proposito del sostegno alle famiglie e ai genitori con bimbi disabili per l'accesso ai centri estivi 2022. Ci hanno contattato diversi genitori preoccupati segnalando che il provvedimento non chiarirebbe alcune criticità rilevanti per l'educazione e la salute dei figli disabili.

Abbiamo provato a contattare l'assessore comunale alle politiche giovanili, Samuele Tedesco. La segreteria ci ha informato che l'assessore aveva degli impegni e ha comunque provato a passare la telefonata, cui tuttavia nessuna ha risposto. Ci hanno poi spiegato che l'assessore era fuori sede. Restiamo in attesa di ulteriori chiarimenti che vi comunicheremo in futuri articoli.

 

La delibera in questione approvata ieri è l'integrazione di un precedente provvedimento approvato lo scorso marzo e contiene alcune novità riguardo ai sostegni alle famiglie dei .

Le disposizioni fanno riferimento in particolare all'assistenza "uno a uno" di cui i bambini e i ragazzi con disabilità hanno bisogno. Il servizio era previsto negli anni passati dai centri estivi organizzati direttamente dal Comune di Aosta, mentre questa estate la proposta ludico-ricreativa è organizzata da cooperative e privati e la spesa per gli assistenti passa a totale carico delle famiglie, rendendo impossibile per alcune di essere iscrivere i propri figli al servizio a causa dei costi troppo alti.

L'atto approvata ieri dalla Giunta comunale prevede di utilizzare i fondi a bilancio per la gestione dei centri estivi «a copertura dei costi per assistenza disabili con rapporto 1:1» utilizzando «modalità e criteri analoghi a quelli degli anni passati», come si legge nell'atto.

Con il provvedimento la Giunta comunale segnala la possibilità di utilizzo delle strutture scolastiche comunali e assegna la priorità di accoglimento dei minori con disabilità a coloro che non usufruiranno dei . «In subordine» il Comune prevede la possibilità per i beneficiari dei voucher regionali una «eventuale integrazione a concorrere, compatibilmente con la disponibilità finanziaria, alla copertura totale della maggiore spesa sostenuta dal gestore dei Centri presso le strutture Comunali per garantire il rapporto 1:1 tra educatore e minore».

Restano confermati i voucher su base Isee già previsti dal Comune per i minori dai 3 ai 17 anni che frequentano i centri estivi giornalieri organizzati dagli operatori socio-economici.

 

 

Marco Camilli

 

 

Pin It

Articoli più letti su Aostaoggi.it

© 2021 Aostaoggi.it